domenica 04 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
08.11.2022 Ma il Papa è cieco di fronte al massacro dell’Ucraina
Analisi di Matteo Matzuzzi

Testata: Il Foglio
Data: 08 novembre 2022
Pagina: 1
Autore: Matteo Matzuzzi
Titolo: «Il capo della Chiesa ucraina regala al Papa il frammento di una mina russa: 'Putin vuole negarci il diritto di esistere, la sua è una guerra coloniale'»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 08/11/2022, a pagina 1, con il titolo "Il capo della Chiesa ucraina regala al Papa il frammento di una mina russa: 'Putin vuole negarci il diritto di esistere, la sua è una guerra coloniale' " l'analisi di Matteo Matzuzzi.

A destra: Sviatoslav Shevchuk con Papa Bergoglio

Autori - Matteo Matzuzzi
Matteo Matzuzzi

Roma. Per la prima volta dall’inizio della guerra in Ucraina, l’arcivescovo maggiore di Kyiv, Sviatoslav Shevchuk, ha lasciato il paese. Ieri mattina è stato ricevuto in udienza dal Papa, al quale ha donato il frammento di una mina russa che ha distrutto la facciata dell’edificio della chiesa greco-cattolica ucraina a Irpin’, lo scorso marzo. Francesco ha rinnovato la sua vicinanza al “martoriato popolo ucraino”, ribadendo ancora una volta l’impegno della Santa Sede per la cessazione delle ostilità e per una pace giusta. Il Pontefice ha anche incoraggiato tutta la Chiesa ucraina a “un servizio evangelico di prossimità al popolo sofferente, oppresso dalla paura e dalla violenza bellica”. Dal canto suo, Shevchuk ha detto che “la guerra in Ucraina è una guerra coloniale e le proposte che vengono dalla Russia sono proposte di pacificazione coloniale”. Proposte che, ha aggiunto, “implicano la negazione dell’esistenza del popolo ucraino, della sua storia, cultura e anche della Chiesa. E’ la negazione dello stesso diritto all’esistenza dello stato ucraino, riconosciuto dalla comunità internazionale con la sua sovranità e integrità territoriale. Su queste premesse, le proposte della Russia mancano di un soggetto di dialogo”. L’arcivescovo maggiore – che ha raccontato al Papa quanto visto visitando i territori più colpiti dalle ostilità – ha ringraziato Francesco per ciò che è stato fatto per fermare la guerra e mediare la pace, liberare ostaggi e prigionieri, organizzare la solidarietà universale della Chiesa cattolica a favore del popolo ucraino sofferente. La giornata romana del massimo esponente della gerarchia greco-cattolica ucraina era iniziata con la lettura dei commenti dell’ambasciatore di Kyiv presso la Santa Sede assai critici riguardo all’intervista a bordo dell’aereo concessa dal Papa di ritorno dal Bahrein. Interpellato a proposito della guerra, Francesco aveva infatti detto: “A me colpisce la crudeltà, che non è del popolo russo, forse… perché il popolo russo è un popolo grande, è dei mercenari, dei soldati che vanno a fare la guerra come a fare un’avventura, i mercenari… Io preferisco pensarla così perché ho un’alta stima del popolo russo, dell’umanesimo russo. Basta pensare a Dostoevskij che fino ad oggi ci ispira, ispira i cristiani a pensare il cristianesimo. Ho un grande affetto per il popolo russo e anche ho un grande affetto per il popolo ucraino”. Su Twitter, l’ambasciatore Andrii Yurash replicava: “Per comprendere ‘l’umanesimo’, in cui crede il Papa, sarebbe sufficiente vedere come stanno ‘godendo’ questo ‘umanesimo’ 4,5 milioni di persone rimaste senza elettricità e acqua”. Aggiungeva Yurash: “A ordinare i bombardamenti e l’uso dei lanciarazzi non sono mercenari, ma sinceri ‘umanisti’ seguaci di Dostoevskij”. Il messaggio affidato ai social rende evidente quanto complicato sia, per la Santa Sede, porsi in una posizione mediana capace di facilitare un negoziato tra le Parti in causa, come invocato anche dal presidente francese Emmanuel Macron. Il Papa sarebbe disponibile – l’ha detto e ribadito più volte – ma gli ostacoli maggiori giungono proprio da Mosca e Kyiv. Per l’Ucraina è impensabile mettere sullo stesso piano, in un eventuale tavolo delle trattative, le ragioni degli aggressori e quelle degli aggrediti, Mosca invece avrebbe più d’una difficoltà interna ad affidarsi al ruolo di mediatore del capo della Chiesa cattolica che, non più tardi di qualche mese fa, definì il Patriarca Kirill “chierichetto di Putin”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/ 5890901, oppure ciccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT