martedi` 16 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
30.10.2022 Polizia cinese in Italia? Reazioni zero
Non risultano inchieste

Testata: Il Foglio
Data: 30 ottobre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Polizia cinese in Italia? Reazioni zero»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 30/10/2022, a pag. 3, l'editoriale "Polizia cinese in Italia? Reazioni zero".

A Prato ci sono dei poliziotti cinesi che fanno il loro lavoro, ma in  Italia | Il Foglio

Quasi tutti i governi dei paesi dove i media hanno rivelato la presenza di “stazioni di polizia” cinesi hanno aperto delle indagini sul caso. A mancare è ancora l’Italia, dove per primo il Foglio ha fatto emergere, il 4 settembre scorso, la presenza di una “Fuzhou Police Overseas Service Station” nella città toscana di Prato. Non risultano inchieste in atto, al momento. E, fatto ancor più grave, non ci sono state nemmeno dichiarazioni ufficiali, da parte delle istituzioni italiane, sull’ambigua presenza di questi servizi con funzionalità di polizia sul nostro territorio. Altrove però è successo: dopo che i media olandesi hanno scoperto che un cittadino cinese era stato perseguitato per tre anni da funzionari di polizia sotto copertura a Rotterdam, un portavoce del ministero degli Esteri olandese ha dichiarato che l’esistenza di uffici di polizia non ufficiali “è illegale”, e ha aperto un’indagine approfondita. In Irlanda, dove l’Irish Time aveva individuato una stazione simile a Dublino, il ministero degli Esteri irlandese ha chiesto l’immediata chiusura del servizio – che ufficialmente è un “ufficio amministrativo”, ma che in realtà funziona come una vera stazione di polizia. Ieri la polizia portoghese ha aperto un’inchiesta sull’operatività delle Forze di sicurezza cinesi sul suo territorio. Canada, Stati Uniti, Regno Unito e Spagna hanno fatto lo stesso. La polizia canadese ha fatto sapere all’Afp di essere al corrente delle attività di “paesi stranieri che vogliono intimidire o danneggiare comunità o individui sul suo territorio”. Le rispettive ambasciate cinesi hanno tutte respinto le accuse. Tutte tranne quella in Italia, che evidentemente si sente molto tranquilla: il dossier non è stato affrontato dal nuovo governo Meloni – che sebbene si sia appena insediato, almeno nelle dichiarazioni della premier, dovrebbe avere a cuore l’urgenza della questione. Viene da pensare, allora, che il ritardo possa essere legato al fatto che l’Italia sia l’unico di questi paesi ad avere un accordo di pattugliamenti congiunti con la polizia cinese.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT