venerdi 14 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
28.10.2022 Il regime iraniano e l’ennesimo inganno
Come Teheran reprime le proteste

Testata: Il Foglio
Data: 28 ottobre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Il regime iraniano e l’ennesimo inganno»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 28/10/2022, a pag. 3, l'editoriale "Il regime iraniano e l’ennesimo inganno"

Mahsa Amini: la morte in Iran, le proteste e la denuncia dell'Onu - QdS
Mahsa Amini

Mercoledì c’è stato un attentato dello Stato islamico in Iran, un evento estremamente raro che ha solo due precedenti e risalgono uno a quattro e uno a cinque anni fa. Nel centro della città di Shiraz – mentre erano in corso le proteste nel quarantesimo giorno dalla morte di Mahsa Amini – il santuario di Shah Cheragh è stato preso d’assalto da tre uomini armati. Due sono stati arrestati, si cerca il terzo. Sono morte 15 persone e 40 sono rimaste ferite, nelle foto del massacro si vede in terra una donna con un neonato in braccio e un altro bambino morto a pochi metri di distanza. Gli sciiti sono tra gli obiettivi principali e preferiti dai fondamentalisti sunniti come al Qaida o lo Stato islamico, in Afghanistan l’Iskp (lo Stato islamico afghano) colpisce soprattutto le moschee della minoranza sciita degli hazara, che vive nella porzione centrale del paese in una zona che confina con l’Iran. Che siano stati loro a infiltrarsi sarebbe la spiegazione più semplice, ma la dinamica dell’attentato a Shiraz è più simile a quella del massacro del Bataclan a Parigi nel 2015 che agli attentati dell’Iskp, che sono diventati molto frequenti da quando i talebani hanno preso Kabul il 15 agosto 2021 e sono tutti fatti con gli esplosivi. Ieri il presidente Ebrahim Raisi ha parlato alla nazione, ha promesso vendetta e ha fatto capire che da ora in poi la sua retorica farà leva su questo: l’Iran non è un paese insicuro ma le proteste lo stanno rendendo tale. Gli unici precedenti di attentati rivendicati dallo Stato islamico erano stati l’attacco del 2017 al Parlamento, e, contemporaneamente, al mausoleo di Khomeini, e poi quello a una parata militare ad Ahvaz l’anno dopo. I manifestanti temevano che le autorità avrebbero accusato i curdi, tra i pochi sunniti dell’Iran e la comunità protagonista di questa ondata di manifestazioni, ma Raisi ha detto: “Sono stranieri”. Non sappiamo ancora di che nazionalità, ma nella rivendicazione dello Stato islamico è comparsa una sigla, quella della fazione iraniana, che non si era mai vista prima.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT