martedi` 28 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
21.10.2022 Come funziona la propaganda dei mercenari di Putin
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 21 ottobre 2022
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Oltre la 'Linea Wagner'»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 21/10/2022, a pag. 1, con il titolo "Oltre la 'Linea Wagner' ", il commento di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Powerful 'Putin's chef' Prigozhin cooks up murky deals - BBC News
Evgeni Prigozhin

Strasburgo, dalla nostra inviata. Evgeni Prigozhin, il finanziatore del gruppo Wagner formato da combattenti mercenari, ha ribattezzato la linea che fortifica le posizioni russe nell’oblast di Luhansk “Linea Wagner”. Gli echi della Seconda guerra mondiale non sono casuali, Prigozhin vuole che i suoi mercenari diventino degli idoli in Russia ed è molto bravo a raccontare i fallimenti dell’esercito russo e le vittorie del gruppo di combattenti costretti a correre in soccorso degli inefficaci soldati di Mosca. Prigozhin ha detto che la compagnia Wagner è anche a Belgorod, e si sta occupando della fortificazione della regione russa al confine con l’Ucraina colpita da attacchi sempre più frequenti: le autorità di Kyiv non hanno mai ammesso la responsabilità. I mercenari della Wagner sono conosciuti soprattutto per aver combattuto le battaglie di Mosca degli ultimi anni, mentre le loro mansioni propagandistiche sono meno note, seppur portate avanti con altrettanta brutalità e determinazione. Prima dell’inizio dell’invasione russa in Ucraina, Mosca non ammetteva neppure l’esistenza della Wagner, ora invece permette che la compagnia si faccia pubblicità per arruolare combattenti. Anche Prigozhin ora rivendica la paternità della compagnia che prima del 24 febbraio rinnegava, nonostante, secondo alcune inchieste condotte da giornalisti russi, abbia anche finanziato la produzione di film in cui i protagonisti erano i temerari uomini della Wagner rappresentati come eroici salvatori della Russia e non solo. Uno degli ultimi lungometraggi risale al 2014 e racconta proprio il ruolo della compagnia in Ucraina. Pochi anni prima era uscito invece “Il turista”, dedicato alle missioni della Wagner in Repubblica centrafricana. Carol Valade è un giornalista francese che ha trascorso molto tempo in Repubblica centrafricana a documentare i movimenti della compagnia di Prigozhin, il lavoro è stato raccolto in un documentario vincitore del premio Daphne Caruana Galizia: “The central African Republic under Russian influence”, realizzato assieme a Clément Di Roma. L’obiettivo del progetto non è soltanto quello di raccontare la guerra che i mercenari conducono con le armi, ma soprattutto quella che combattono con la propaganda. I metodi sono potenti, martellanti, scenografici ed esiste una parte della Wagner unicamente addetta alla disinformazione. “Nello stadio di Bangui hanno girato un film d’azione, in cui i mercenari erano i protagonisti – racconta Valade al Foglio – si presentano spesso come gli eroi, i salvatori, seguendo il modello degli action movie americani”. Valade ha seguito l’arrivo e l’ascesa di questi gruppi in diverse zone dell’Africa. La Repubblica centrafricana è il paese in cui la presenza è più capillare, tanto che a svolgere la diplomazia per Mosca sono i mercenari. C’è un’ambasciata in cui lavorano tre persone e il resto è affidato alla compagnia di Prigozhin. Sono uno stato nello stato, una Russia nella Russia, che incrementa l’idea di un occidente imperialista e sciacallo dal quale i paesi possono salvarsi soltanto affidandosi a Mosca. “Le persone ci credono e gli uomini della Wagner sono riusciti a presentarsi come un’alternativa all’occidente. Lavorano sul lungo termine, realizzano anche cartoni animati per bambini in cui raccontano dell’orso simpatico arrivato dal paese freddo per salvare i poveri animali della giungla. Distribuiscono beni di prima necessità, si presentano dai cittadini con le mani cariche di prodotti e dicendo: questo è un dono di Prigozhin”. Non tutti sanno chi sia Prigozhin, ma conoscono Vladimir Putin, che spesso compare sulle magliette regalate agli eventi della Wagner, o sui cartelloni, dipinto come un salvatore. Armi, pubblicità, instabilità, i mercenari, secondo il giornalista, usano l’Africa come un altro campo di battaglia contro l’occidente: “L’informazione è nelle loro mani, possono comprare di tutto, non devono affrontare né costi politici né finanziari per aizzare la popolazione contro quello che chiamano ‘imperialismo occidentale’”. La propaganda è spesso volta a esaltare la Wagner più che la Russia. Quasi fossero due cose diverse. Come in Ucraina, dove oltre a combattere contro Kyiv i mercenari sono impegnati a rimarcare i fallimenti dell’esercito russo: sono uno stato nello stato, che si estende fino alla “Linea Wagner”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT