domenica 14 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
18.10.2022 L’atleta iraniana che sfida il regime
L’Occidente fa troppo poco

Testata: Il Foglio
Data: 18 ottobre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «L’atleta iraniana che sfida il regime»
Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 18/10/2022, a pag. 3, l'editoriale "L’atleta iraniana che sfida il regime".

Scomparsa Elnaz Rekabi, l'atleta iraniana che ha gareggiato in Corea senza  velo - la Repubblica
Elnaz Rekabi

Fu una ragazza che rifiutava il velo la prima vittima della guerra islamista in Algeria negli anni Novanta: Katia Bengana difese la sua scelta anche quando il suo boia le puntò il fucile alla testa. In nome di Katia le donne scendevano in piazza al grido di “rifiutiamo l’esilio, la sottomissione e la compromissione”. In un simile gesto di solidarietà con le grandi proteste in corso nel suo paese iniziate con l’uccisione da parte della “polizia morale” di una ragazza che non portava “correttamente” il velo, l’atleta iraniana Elnaz Rekabi ha gareggiato senza velo ai campionati asiatici della Federazione internazionale arrampicata sportiva, disobbedendo alle restrizioni della Repubblica islamica che impongono il velo anche alle sportive all’estero (oltre che il divieto di gareggiare contro atleti israeliani). Le immagini della scalatrice Rekabi che si arrampicava durante la gara a Seul sono diventate virali sul suo social in farsi. Elnaz sa quali sono le conseguenze, conosce il prezzo che pagano le ragazze iraniane che si ribellano, anche quando sono all’estero, come la dissidente Masih Alinejad, riparata a New York e scampata a un tentativo di sequestro da parte di agenti iraniani. Eppure, Elnaz ha dato un volto e un nome al coraggio. Eppure, c’era un tempo in cui le hostess della compagnia aerea afghana erano senza velo, un tempo in cui all’Hotel Philadelphia di Amman re Hussein di Giordania organizzava un concorso di bellezza, le donne libiche marciavano senza veli per chiedere diritti, le studentesse vestite all’europea erano la norma all’Università palestinese di Birzeit e le iraniane trasformavano Teheran in una sorta di piccola Parigi. La battaglia delle donne iraniane che oggi chiedono diritti, libertà, un orizzonte che non sia quello tracciato per loro dagli sgherri di Khomeini dovrebbe essere condivisa e combattuta da chi in occidente ha a cuore gli stessi valori, minati qui da uno sciatto relativismo e multiculturalismo.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT