giovedi` 30 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
15.10.2022 I vescovi europei condannano Putin
Ma il Papa non va in Ucrania

Testata: Il Foglio
Data: 15 ottobre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «I vescovi europei condannano Putin»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 15/10/2022, a pag. 3, l'editoriale "I vescovi europei condannano Putin".


Papa Bergoglio

La commissione delle Conferenze episcopali dell’Unione europea, riunita in assemblea plenaria, ha pubblicato una dichiarazione in cui condanna “la brutale aggressione militare dell’autorità politica russa”. Si parla di “orribili sofferenze umane inflitte ai nostri fratelli e sorelle in Ucraina”, si ricordano le vittime e i rifugiati “costretti a lasciare le loro case”. E c’è la preoccupazione “per le recenti azioni che accrescono il rischio di un’ulteriore espansione del conflitto in corso, con tutte le sue incontrollabili e disastrose conseguenze per l’umanità”. La guerra riguarda tutti, scrivono i vescovi, ed è “in momenti di crisi come questo che ci rendiamo conto ancora una volta che l’Unione europea è una realtà preziosa, secondo la sua ispirazione originaria”. Niente fraintendimenti né ambiguità: “Siamo grati per gli instancabili sforzi dei decisori politici europei nel mostrare solidarietà all’Ucraina e nel mitigare le conseguenze della guerra per i cittadini europei”. Si incoraggiano “i leader a mantenere la loro unità e determinazione per il progetto europeo”. I presuli riprendono l’appello del Papa: l’aggressore si fermi e l’aggredito si apra “a serie proposte per una pace giusta” che salvaguardi “l’integrità territoriale dell’Ucraina”. E’ una presa di posizione forte, non suscettibile di essere equivocata o interpretata: le chiese d’Europa stanno con Kyiv e contro Mosca. La pace che si cerca deve essere “giusta” e non ammette smembramenti territoriali, quasi che l’Ucraina del 2022 fosse la Polonia di secoli fa. Non era scontato che dalla riunione d’autunno dei vescovi arrivasse una dichiarazione tanto forte e netta, vuoi per la tradizionale cautela diplomatica, vuoi per la volontà di mantenere un profilo “alto” che consentisse alla Chiesa di facilitare una mediazione tra le Parti, operazione possibile solo se si fosse mantenuto un canale aperto con quell’autorità politica russa che invece è rea di aver causato “orribili sofferenze”. La strada è tracciata, non è più tempo della prudenza.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT