giovedi` 30 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
13.10.2022 ‘Stupore’, romanzo di Zeruya Shalev
Recensione di Chiara Clausi

Testata: Il Foglio
Data: 13 ottobre 2022
Pagina: 3
Autore: Chiara Clausi
Titolo: «Stupore»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 13/10/2022, a pag. 3, la recensione di Chiara Clausi a "Stupore", di Zeruya Shalev.

Chiara Clausi (@foliedennui) | Twitter
Chiara Clausi

Facebook
La copertina del libro di Zeruya Shalev (Feltrinelli ed.)

Stupore è un romanzo sull’amore, su un matrimonio fallito, sulla morte e il senso di colpa, ma anche sui legami familiari e su due donne, Atara e Rachel. Atara, architetto con una vita sentimentale instabile, un matrimonio alle spalle e una nuova relazione, dopo la morte del padre, famoso scienziato, va in cerca del suo misterioso passato. Rintraccia la prima moglie di lui, Rachel, che le parla della loro eroica lotta all’interno della Resistenza contro gli inglesi prima della fondazione dello stato d’Israele. Allora gli inglesi erano l’odioso occupante mentre dall’altro lato c’erano i compagni morti eroicamente. Un capitolo glorioso del giovane stato ebraico. Gli attivisti combattevano per il diritto alla pace in un paese libero. Erano storie poi da raccontare con orgoglio ai propri figli. Tra di loro c’erano socialisti, comunisti, revisionisti, mistici, rivoluzionari. Ardimentosi e impavidi votati alla lotta senza indugio. Israele è una terra complicata, carica d’ira e di menzogna. Un miscuglio di culture e una ipnotica combinazione di mari e monti. “Talvolta si ha l’impressione che lì a Gerusalemme si possa vivere più di una volta”, scrive Shalev. Poi c’è l’amore tra Atara e Alex, il suo secondo compagno. Loro così diversi ma così vicini. “Bisogna gioire anche dal profondo dell’angoscia, far finta di gioire, la disperazione e il dolore scacciano via la presenza divina”, chiosa l’autrice. La natura è fascinosa. Il massiccio spoglio e selvaggio del Carmelo che il sole calante tinge di porpora e i quartieri più a sud di Haifa che spuntano fra gli uadi, i letti dei torrenti che scendono a mare con la loro vegetazione ondeggiante. Finché arriva un lutto inaspettato per Atara. Questo dolore la piega, la fa interrogare, la mette in crisi. “La nostra vita è arbitraria e imprevedibile, sovverte ogni ordine, si prende gioco di ogni coerenza, ed è per questo che è più forte di ogni perdita”, scrive Shalev. Un calvario personale vissuto dal lettore che soffre con Atara. Lei riflette, si auto-colpevolizza, cade nell’abisso del sé. E’ un viaggio catartico come ogni dolore sa essere. E’ come scalare un monte ripido e pieno di insidie dove il pericolo maggiore sono i meandri della nostra mente. Un labirinto dove dopo tanta fatica si riesce a uscirne, ma rinnovati, trasformati. E l’appello finale e liberatorio dell’autrice è sulla potenza del sentimento più assoluto, l’amore. “Siete riusciti ad arrivare nello spazio, a costruire grattacieli, a concepire invenzioni mozzafiato, ma ad amare non avete ancora imparato”. Zeruya Shalev è con Amos Oz e David Grossman una degli autori israeliani più letti nel mondo. Per il Frankfurter Allgemeine Zeitung “è nella visione penetrante del calvario interpersonale che emerge la sua straordinaria abilità letteraria”. E la Zeit ha definito Stupore “un grande romanzo sull’inestricabile connessione tra amore e politica”.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT