mercoledi` 29 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
05.10.2022 A Berkeley comandano i nemici di Israele
Analisi di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 05 ottobre 2022
Pagina: 2
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Dal 'free speech' al 'Jews free'. Lo strano destino del campus di Berkeley»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 05/10/2022, a pag. 2, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo "Dal 'free speech' al 'Jews free'. Lo strano destino del campus di Berkeley".

Informazione Corretta
Giulio Meotti

UC Berkeley Releases Visionary Campus Master Plan – Sasaki
Berkeley

Roma. Se non fosse un dramma si potrebbe discutere dell’ironia dei campus che si sforzano di segnalare la virtù progressista dell’“inclusione” in ogni modo, anche il più grottesco, ma che impediscono ai sostenitori dell’unica democrazia del medio oriente di parlare. Eppure è quello che succede a Berkeley, dove nacque il Free Speech Movement nel 1964. Nove diversi gruppi di studenti di giurisprudenza dell’Università della California hanno iniziato il nuovo anno accademico modificando il regolamento per assicurarsi che non saranno mai invitati “oratori che sostengano Israele o il sionismo”. E questi non sono gruppi che rappresentano solo una piccola percentuale della popolazione studentesca. Tra questi ci sono Women of Berkeley Law, Asian Pacific American Law Students Association, Middle Eastern and North African Law Students Association, Law Students of African Descent e Queer Caucus. Il decano della Berkeley Law, Erwin Chemerinsky, un sionista progressista, ha osservato che lui stesso sarebbe stato bandito secondo questo standard, così come il novanta per cento degli studenti ebrei. Gli studenti di giurisprudenza di Berkeley non sono i primi a escludere i sionisti. Alla State University di New York a New Paltz, gli attivisti hanno cacciato due vittime di aggressioni sessuali da un gruppo di sopravvissuti perché “sioniste”. All’Università della California meridionale hanno cacciato dal suo incarico il vicepresidente del consiglio studentesco ebraico Rose Ritch, minacciando di “mettere sotto accusa il suo culo sionista”. A Tufts, hanno cercato di estromettere il membro del comitato giudiziario del governo studentesco Max Price a causa del suo sostegno a Israele. Più della metà degli studenti americani è favorevole al boicottaggio di Israele, rivela un sondaggio del ministero degli Esteri israeliano. “Quand’è che l’antisionismo sfocia in generale antisemitismo?”. La domanda è stata posta su Twitter sabato scorso dalla cantante e attrice americana Barbra Streisand che reagiva alla decisione di diversi gruppi studenteschi dell’Università della California di bandire dal campus i “conferenzieri sionisti”. L’antisemitismo attecchisce come una pianta malefica nella Ivy League – la lega dell’edera delle otto più prestigiose università americane – e nei laboratori delle “equal opportunities” e del ricatto delle minoranze etniche o sessuali. Dopo l’ultimo conflitto a Gaza a Berkeley sono apparse sui muri del campus le scritte “Morte a Israele” e “Uccidiamo tutti gli ebrei”. Poi un altro slogan: “I sionisti dovrebbero essere mandati nelle camere a gas”. “L’apartheid è un crimine contro l’umanità e come leader studenteschi alla Berkeley Law crediamo di avere l’obbligo di agire”, afferma la dichiarazione approvata questa settimana. “Lo stato di Israele è uno stato di apartheid”. Mohammad è il nome più popolare in assoluto dato ai neonati in Israele nell’ultimo anno. Alla faccia del “genocidio palestinese”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT