venerdi 01 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
04.10.2022 Macron tesse l’elogio della nostra civiltà
Ferito, ma l’Occidente è superiore

Testata: Il Foglio
Data: 04 ottobre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «'Ferito, ma l’Occidente è superiore'»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 04/10/2022, a pag.3, l'editoriale 'Ferito, ma l’Occidente è superiore'.

L'avvertimento di Macron:
Emmanuel Macron

L’occidente è uno spazio di civiltà, forte nella sua storia, che ha costruito democrazie liberali, stato di diritto, libertà fondamentali individuali e collettive, molteplici arti e culture, una civiltà unica al mondo”. Nell’intervista al Point, Emmanuel Macron si è lanciato in una muscolare difesa dell’occidente. Sull’immigrazione ha rivendicato un modello sociale alternativo a quello anglosassone, “un universalismo molto diverso dal multiculturalismo”. Ha riconosciuto che “l’occidente sta attraversando una crisi in termini di stabilità dei suoi valori”. Una crisi anche demografica, “perché il resto del mondo si sta popolando molto più velocemente, mentre l’occidente sta invecchiando”. Di conseguenza, sempre più campioni industriali, tecnologici e militari non sono più occidentali. “Il pensiero, la verità e la storia si producono anche altrove”. Rivendica un “rifiuto della fatalità”, del pessimismo, del fatalismo. Il quadro multilaterale ereditato dal 1945 è in crisi. Parla di Russia: “Quando un membro fondatore delle Nazioni Unite viola il diritto dei popoli all’autodeterminazione, è il fondamento del nostro edificio comune che vacilla”. Il liberalismo sta attraversando una crisi multipla. Ma il punto fermo resta. “Chiedi agli ucraini se il modello russo piace a loro. Chiedi alla Moldova, che è stata riconosciuta come candidata all’Unione europea, quale modello preferisce. Guarda come i valori della libertà di coscienza vengono oggi difesi nelle strade dell’Iran”. Macron cita anche Rushdie: “Il suo calvario mostra la persistenza e l’universalità del pericolo, la fragilità della libertà di parola, ecco perché, anche in questo caso, è impossibile rassegnarsi a questo stato di cose”. Il presidente francese si conferma l’unico leader europeo con una visione.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT