venerdi 09 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
24.09.2022 Nazioni Unite: l’isolamento di Putin
L’UE incassa una vittoria diplomatica

Testata: Il Foglio
Data: 24 settembre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «L’isolamento di Putin»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 24/09/2022, a pag.3, l'editoriale "L’isolamento di Putin".

A destra: Vladimir Putin in un fotomontaggio

L’Unione europea può rivendicare un piccolo ma importante successo all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, nel momento in cui cerca di arruolare il “Sud globale” nella guerra di Vladimir Putin contro l’Ucraina. Le parole e i gesti di tre attori globali chiave – Cina, India e Turchia – che finora avevano rifiutato di scegliere da che parte stare, o che avevano mostrato la loro vicinanza con il Cremlino, lasciano intravedere una possibile svolta. Putin ha dato un contributo enorme al suo isolamento internazionale, quando ha esplicitato i suoi piani di annessione dei territori occupati e brandito la minaccia nucleare. “Imperialismo e revanscismo: ecco i soli fondamenti di questa guerra di colonizzazione”, ha detto ieri il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, davanti all’Assemblea generale, toccando le corde giuste di una parte del “Sud globale”. Gli interventi di due paesi africani – Kenya e Ghana – nella riunione del Consiglio di sicurezza di giovedì sono stati di una fermezza inedita con la Russia. “L’Ue non chiede a nessuno di scegliere tra est e ovest o tra nord e sud. Ma c’è una scelta che va fatta. E la scelta dell’Ue è il rispetto per le frontiere invece dell’aggressione. E’ la cooperazione invece della minaccia”, ha detto Michel. Tuttavia, dopo il discorso di mercoledì di Putin, l’Ue non può accontentarsi di arruolare il resto del mondo alla sua causa. Finita la settimana all’Onu, deve riprendere la battaglia sul suolo europeo, adottando nuove sanzioni contro la Russia, fornendo molte più armi all’Ucraina e preparandosi a scenari finora impensabili. Il rischio che Putin decida di usare un’arma nucleare in caso di offensiva ucraina nei territori annessi con i falsi referendum è reale. La tentazione di alcuni nell’Ue potrebbe essere di scoraggiare Volodymyr Zelensky dal perseguire un’ulteriore avanzata. Con Putin, l’unica risposta efficace non è l’appeasement, ma la dissuasione.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT