giovedi` 06 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
21.09.2022 Perché i media europei hanno paura di Putin
Il cattivo esempio dell’Economist

Testata: Il Foglio
Data: 21 settembre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «L’Europa e la paura di vincere»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 21/09/2022, a pag. 3, l'editoriale "L’Europa e la paura di vincere".

Russian State Media Aren't Preparing for War

Un mese fa l’Economist aveva pubblicato una copertina, chiedendosi se le sanzioni alla Russia stessero funzionando. Quel numero del settimanale britannico ha avuto un’eco formidabile in Italia: è stata rilanciato da tanti media, attivisti e anche qualche esponente politico per sostenere che le sanzioni non funzionassero, che fossero controproducenti e che quindi andassero rimosse. “Lo dice persino l’Economist!”, era il ritornello. La ricostruzione, ovviamente, era del tutto parziale. L’analisi del settimanale era, ovviamente, di tutt’altro tenore. Le sanzioni avranno un impatto enorme nel medio termine, soprattutto nei settori più avanzati che dipendono dalle importazioni tecnologiche occidentali. Ma non hanno prodotto un crollo immediato dell’economia russa. L’Economist evidenziava che la Russia sta reagendo meglio del previsto e che contro le grandi autocrazie le sanzioni, da sole, non bastano. Ma bisogna agire su più fronti. Ma tanto era bastato a dire che le sanzioni vanno abolite. La scorsa settimana, invece, l’Economist ha pubblicato una copertina in cui si afferma che bisogna “portare a termine il lavoro” perché “l’Ucraina può vincere”. L’analisi parte dal successo della controffensiva ucraina nel nord-est, che sta ribaltando gli equilibri e l’inerzia del conflitto, sia sul piano militare sia su quello del morale. “La vittoria dell’Ucraina non è ancora certa, ma si intravede una strada”. Pertanto l’occidente dovrebbe inviare armi migliori e in maggiore quantità, e l’Europa dovrebbe “resistere al ricatto energetico di Putin”. Le sanzioni, pertanto, vanno mantenute: “Si può cavillare sui dettagli delle decisioni politiche, ma la cosa principale è mantenere la solidarietà”. Stranamente questa volta nessuno ha ripreso l’analisi dell’Economist. Troppo ottimista. Se in una parte minoritaria dell’opinione pubblica europea è forte il filoputinismo, in un’altra fetta più larga forse prevalgono il catastrofismo e la paura di vincere. Eppure l’eroismo degli ucraini avrebbe dovuto insegnare qualcosa.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT