venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
17.09.2022 Ogni giorno 100 ebrei via da Mosca
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 17 settembre 2022
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Ogni giorno 100 ebrei via da Mosca»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 17/09/2022, a pag. 1, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo 'Ogni giorno 100 ebrei via da Mosca'.

Informazione Corretta
Giulio Meotti

Roma. L’ex rabbino capo di Mosca dice che gli ebrei che possono dovrebbero lasciare subito la Russia. Pinchas Goldschmidt, che aveva trascorso gli ultimi trent’anni a costruire la vita ebraica in Russia prima della sua fuga questa estate, alla Deutsche Welle ha detto che quella vita ora è finita e che gli ebrei potrebbero essere coscritti se Vladimir Putin ordinasse la mobilitazione generale. I rabbini delle 75 città della Russia, da Vladivostok a est a Kaliningrad a ovest, poche ore dopo hanno annunciato di non volere abbandonare le comunità ebraiche di cui sono responsabili in Russia. Ma intanto, oltre cento ebrei russi ogni giorno salgono su un aereo per non fare più ritorno. Fino a pochi mesi fa, il rabbino Yosef Hersonski era riluttante ad aprire un asilo per bambini di lingua russa a Tel Aviv, poiché era a corto di iscritti.

Holocaust Remembrance Day: There must never be another Auschwitz | Germany  | News and in-depth reporting from Berlin and beyond | DW | 26.01.2022
Pinchas Goldschmidt

Oggi non accetta più iscrizioni, per mancanza di spazio. Israele si era preparata a un afflusso di profughi ucraini. Ma alla fine, gli ebrei russi sono stati più numerosi. Secondo le autorità israeliane, negli ultimi sei mesi poco più di 20.700 ebrei dalla Russia hanno fatto aliya (termine ebraico che significa “ascesa”), la migrazione degli ebrei in Israele. Più di 12.500 ucraini hanno fatto la stessa scelta. A questo si aggiungono coloro che avevano già la cittadinanza israeliana “e tenevano i passaporti in un cassetto, per ogni evenienza”, come ha detto Larissa Remennick, sociologa dell’Università israeliana Bar-Ilan arrivata da Mosca durante la grande ondata di migrazione ebraica sovietica nei primi anni 90. “Altri andavano avanti e indietro”. Un milione di ebrei russi si stabilirono in Israele prima e dopo la caduta dell’Unione sovietica, formando la comunità più grande e politicamente attiva del paese. 150 mila ebrei sono ancora in Russia, ma almeno uno su otto ha già lasciato il paese da marzo. A luglio, il ministero della Giustizia russo ha chiesto la liquidazione della filiale di Mosca dell’Agenzia ebraica, l’organizzazione che aiuta gli ebrei stranieri che desiderano trasferirsi in Israele. Nel novembre di un anno fa, parlando al settimanale Point, Pinchas Goldschmidt, che era anche presidente della Conferenza dei rabbini europei, alla domanda se si sentisse più al sicuro per strada a Mosca, dove vive, o a Parigi o Bruxelles dove va regolarmente, ha risposto: “Mi sento molto più al sicuro a Mosca. Sono stato personalmente aggredito a Bruxelles”. Poi Goldschmidt ha dato numeri impressionanti: “Alcuni anni fa, in Europa erano rimasti 1,6 milioni di ebrei. Oggi quel numero è diminuito di 300 mila”. Le ondate migratorie ebraiche degli anni 80 e 90 privarono l’Unione sovietica e poi la Russia di una classe media di ingegneri, informatici, medici, accelerando il declino russo e l’ascesa della “start up nation” israeliana. Se si ripetesse quello scenario sarebbe un altro colpo devastante per Mosca.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT