martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
16.09.2022 Le distrazioni antisemite, a Berlino e a Roma
L’odio per Israele a Berlino e il premio Campiello presieduto da Walter Veltroni

Testata: Il Foglio
Data: 16 settembre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «'Distrazioni' antisemite»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 16/09/2022, a pag.3, l'editoriale " 'Distrazioni' antisemite".

Navi Pillay: North Korea has committed grave crimes against its own people  – Justice Hub
Navanethem Pillay

Franziska Giffey, la sindaca di Berlino, ha ritirato la disponibilità del Rotes Rathaus, il municipio rosso, a ospitare la cerimonia di consegna della medaglia Otto Hahn per la Pace a Navanethem Pillay, giurista nata in Sudafrica da famiglia indiana. Quello che stupisce è che Giffey abbia fatto marcia indietro solo dopo essere stata bacchettata dalla stampa tedesca che le ha segnalato come Pillay, già Alto commissario Onu per i diritti umani, non sia amica della pace a 360 gradi. La giurista è nota per aver accusato Israele di praticare l’apartheid; un’accusa tanto più grave perché pronunciata da chi in Sudafrica ha vissuto la segregazione razziale sulla propria pelle – Pillay è nata nel 1941 mentre l’apartheid è terminato solo 50 anni dopo. Pillay sa che in Israele non ci sono tre parlamenti come nel Sudafrica razzista ma che la principale minoranza in Israele è rappresentata alla Knesset da più partiti, che uno di questi fa parte della coalizione al governo e che giudici arabi siedono alla Corte suprema. Nel 2020 la giurista onusiana ha firmato un appello a favore del boicottaggio di Israele. A evitare una figuraccia a Giffey ha provveduto la Bild, ricordandole come il Bundestag abbia condannato il boicottaggio come razzista. Ma resta lo stupore per come la sindaca non se ne sia accorta prima.

Forse si è trattato solo di disattenzione: la stessa della Società tedesca per le Nazioni Unite, la ong che ha premiato Pillay, o di quella della giuria del Premio Campiello, presieduta da Walter Veltroni, che ha consacrato vincitore Bernardo Zannoni, 27enne autore di “I miei stupidi intenti”, un romanzo con tanti personaggi fra i quali Solomon l’usuraio e il suo cane Gioele. La Comunità ebraica di Roma ha chiesto a Zannoni perché l’usuraio e il suo cane dovessero avere nomi ebraici. L’autore si è detto “colpito” e ha chiesto scusa. E tuttavia resta nettissima la sensazione che mentre aumenta la sensibilità per tutte le minoranze che vogliamo riconoscere, l’antisemitismo continui sempre a farla franca. E “per distrazione” vinca anche premi e medaglie.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT