venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
16.09.2022 Putin e Xi si muovono in tandem
Analisi di Giulia Pompili

Testata: Il Foglio
Data: 16 settembre 2022
Pagina: 1
Autore: Giulia Pompili
Titolo: «Putin e Xi si muovono in tandem per un nuovo ordine mondiale»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 16/09/2022, a pag.1, con il titolo "Putin e Xi si muovono in tandem per un nuovo ordine mondiale" l'analisi di Giulia Pompili.

A destra: Vladimir Putin

Immagine correlata
Giulia Pompili

Roma. “Voprosy e ozabochennosti”, “dubbi e preoccupazioni”. Ieri, dopo l’incontro tra il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il leader cinese Xi Jinping a Samarcanda, a margine del vertice dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, si parlava soltanto di queste due parole: “Voprosy e ozabochennosti”. Le ha pronunciate Putin riferendosi ai dubbi e alle preoccupazioni che gli avrebbe manifestato Xi Jinping nei riguardi della sua guerra contro l’Ucraina: “Durante l’incontro di oggi spiegheremo la nostra posizione su questo tema in modo dettagliato”, ha detto Putin, “anche se ne abbiamo già parlato in passato”. L’ammissione, da parte del leader del Cremlino, delle perplessità cinesi sull’invasione dell’Ucraina si spiega più facilmente con l’ultima frase: Putin e Xi si sono incontrati l’ultima volta il 4 febbraio, alla cerimonia d’apertura delle Olimpiadi invernali di Pechino quando hanno inaugurato la loro “amicizia senza limiti”, e venti giorni dopo Putin ha ordinato i missili su Kyiv. Tre mesi fa tra i due c’era stata una telefonata ed è forse quella l’occasione a cui si riferisce Putin quando dice: ne abbiamo già parlato. All’epoca, secondo la versione russa della telefonata, il leader cinese aveva detto di “capire le preoccupazioni russe”.

Il dittatore cinese Xi Jinping

Anche questa volta, nel resoconto cinese dell’incontro tra Xi e Putin a Samarcanda, non c’è traccia di riferimenti all’Ucraina. C’è però una frase importante, riportata dall’agenzia cinese Xinhua, secondo la quale “Xi Jinping ha sottolineato che la Cina è disposta, insieme alla Russia, a fornire un forte sostegno reciproco su questioni che riguardano i reciproci interessi fondamentali e ad approfondire la cooperazione pratica”. Il “forte sostegno” cinese alla Russia è ancora lì, è sempre stato lì. E Mosca ricambia il favore, parlando di Taiwan come “parte inalienabile della Cina”. Ma soprattutto, in questa ambigua finzione, consegna a Pechino un ruolo preoccupato, accigliato, da vera potenza responsabile. I due leader hanno avuto un incontro davanti alle telecamere – quello in cui Putin ha parlato di dubbi e preoccupazioni cinesi – una scenetta destinata a una audience interna e internazionale, e poi la conversazione è proseguita a porte chiuse. E’ tutto un gioco di specchi, di rimandi, di allusioni, che costringe il resto del mondo a usare non gli strumenti giornalistici e analitici per conoscere la direzione delle due potenze ma qualcosa che somiglia alle tecniche divinatorie. Le priorità dei due leader autoritari, in questo momento, convergono su pochi punti: per Xi Jinping, con il Congresso alle porte, l’obiettivo è rafforzare la tenuta del Partito nonostante la crisi economica che sta colpendo la Cina, le politiche Zero Covid e il pericolo di un isolamento commerciale da parte dell’occidente sempre più forte. Per Putin si tratta di mostrare di non essere stato isolato, di avere ancora canali diplomatici e influenza politica. Per citare un’espressione usata ieri dal presidente russo, quello tra Mosca e Pechino è un “tandem di politica estera”, dove però la direzione non è sempre condivisa: la Russia ha iniziato una guerra che, come conseguenza, ha rafforzato il fronte occidentale. La Cina vuole ergersi a potenza responsabile alternativa agli Stati Uniti. L’altro messaggio mandato dai due leader al resto del mondo, ieri, bisognava leggerlo a seimila chilometri di distanza da Samarcanda, nel Mare di Ochotsk, racchiuso tra la Siberia, le isole Curili (anche quelle contese tra Russia e Giappone) e la costa settentrionale nipponica dell’Hokkaido. Lì ieri sono iniziate le ormai consuete esercitazioni navali congiunte tra la Marina russa e quella cinese. Nelle stesse ore il ministro della Difesa nipponico, Yasukazu Hamada, era al Pentagono a incontrare il segretario alla Difesa Lloyd Austin, e i due hanno lanciato un progetto di ricerca per uno scudo antimissile ipersonico – di cui sia la Cina sia la Russia sono dotate. Il motivo per cui le preoccupazioni di Xi le ha espresse Putin, dice al Foglio Francesca Ghiretti del Merics, è che così “hanno dimostrato di essere sulla stessa linea, di essere due leader che comunicano, che parlano, e Putin vuole far passare l’idea di essere in ascolto”. Se quelle stesse preoccupazioni le avesse espresse direttamente Xi, “sarebbe stato completamente diverso, e anche la comunità internazionale ci avrebbe letto una spaccatura con Mosca”, dice Ghiretti. “La relazione tra i due paesi resta molto forte. Non è casuale se la prima visita ufficiale di Xi è a un summit dove c’è anche Putin”. Rispetto al vertice del 4 febbraio, però, qualcosa è cambiato: “Putin è molto più cauto nella sua relazione con Xi. Per ora non direi del tutto subordinato, ma di sicuro l’equilibrio tra i due è cambiato. E più la Russia sarà in difficoltà in Ucraina, più l’equilibrio cambierà”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT