venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
15.09.2022 Sanzioni contro Putin, ne servono altre
Ecco la politica di Ursula von der Leyen

Testata: Il Foglio
Data: 15 settembre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Non è il momento dell’appeasement»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 15/09/2022, a pag. 3, l'editoriale "Non è il momento dell’appeasement".

Experts hebben vraagtekens bij energieplannen Ursula Von der Leyen:  'Makkelijker gezegd dan gedaan'
Ursula von der Leyen

Le sanzioni sono qui per restare. Questo è il momento della determinazione, non dell’appeasement”, ha detto ieri Ursula von der Leyen, spiegando che le sanzioni imposte a Vladimir Putin per la guerra in Ucraina stanno annichilendo l’economia russa e compromettendo il suo sforzo militare. “In Russia il settore finanziario è allo stremo” e “quasi mille società internazionali hanno lasciato il paese”, ha detto la presidente della Commissione nel suo discorso sullo Stato dell’Unione: “L’esercito russo sta recuperando microchip da lavastoviglie e frigoriferi per riparare le apparecchiature militari, perché ha esaurito i semiconduttori. L’industria russa è alla deriva”. Von der Leyen ha ricordato che “è stato il Cremlino a mettere l’economia russa sulla via della rovina. E’ il prezzo da pagare per la scia di morte e distruzione lasciata da Putin”. La presidente della Commissione ha fatto bene a smentire la narrazione alimentata dal Cremlino sulle sanzioni più dannose per l’Ue che per la Russia. Senza nascondere le difficoltà di un inverno a rischio penuria di gas ed elettricità, von der Leyen si è detta convinta che “l’Europa avrà la meglio e Putin perderà”. Questa guerra non è solo contro l’Ucraina. “E’ una guerra contro la nostra energia, la nostra economia, i nostri valori e il nostro futuro”, ha detto von der Leyen. Ma, nel momento in cui l’Ue si sta concentrando sulle misure per attenuare l’impatto dei prezzi dell’energia sulle sue opinioni pubbliche, non deve perdere di vista la necessità di far vincere la guerra all’Ucraina il più rapidamente possibile. L’avanzata ucraina e il ritiro russo dall’oblast di Kharkiv deve spingere l’Ue a fare di più. Quel che è mancato nel discorso di von der Leyen è l’annuncio di nuove sanzioni contro la Russia e di altre forniture di armi a Kyiv. Se questo non è il momento dell’appeasement, alle parole devono seguire i fatti.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT