venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
14.09.2022 Il Travaglio bugiardo
Le menzogne del Fatto quotidiano

Testata: Il Foglio
Data: 14 settembre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Il Travaglio della controffensiva»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 14/09/2022, a pag. 3, l'editoriale "Il Travaglio della controffensiva".

Dopo la protesta del SAPPE, il direttore de Il Fatto Quotidiano Marco  Travaglio scrive al SAPPE - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria
Marco Travaglio

Marco Travaglio smorza l’entusiasmo di chi, in Italia e in occidente, si esalta per il successo della controffensiva ucraina. “Nei primi sei mesi e mezzo di guerra le truppe di Putin hanno occupato un quarto dell’Ucraina: un territorio vasto quanto metà dell’Italia”, scrive. Mentre le truppe di Zelensky “per riconquistarne un fazzoletto hanno impiegato oltre mezzo anno”. Ancora una volta, il direttore del Fatto quotidiano non ha rispetto dei fatti. Innanzitutto quello riconquistato dall’Ucraina non è “un fazzoletto”, ma sono oltre 6 mila chilometri quadrati, un territorio superiore alla superficie della Liguria. E la riconquista non è avvenuta in “oltre mezzo anno”, ma in 5 giorni. Se invece si guarda agli ultimi sei mesi, cioè dall’inizio dell’invasione russa in Ucraina, le truppe di Zelensky sono riuscite a riconquistare parecchi “fazzoletti”: tutte le province di Kyiv, Sumy, Cernihiv e ora Kharkiv (mentre si punta su Kherson). Si tratta, in pratica, della liberazione della metà del territorio occupato dal 24 febbraio. Ma per Travaglio, che sulla guerra sin dall’inizio pensa di aver capito tutto prima di tutti, tanto che il giorno prima dell’invasione russa dell’Ucraina la definiva “l’ennesima fake news americana”, non è successo nulla di significativo. Tutto sta andando secondo i piani di Putin. Travaglio, d’altronde, riporta le analisi dell’ex generale Fabio Mini, che alla Festa del Fatto ha spiegato che non c’è stata alcuna controffensiva ucraina né una ritirata russa: semplicemente quello della Russia è stato “un alleggerimento della posizione” con un “movimento retrogrado”, come “i russi hanno sempre fatto” finora. Dell’“alleggerimento con movimento retrogrado” non deve essere molto soddisfatto Vladimir Putin che, secondo fonti di intelligence, ha sollevato dall’incarico il generale Roman Berdnikov, capo delle operazioni nella regione di Kharkiv, proprio per l’incapacità di fermare la controffensiva ucraina. Travaglio invece continua a fidarsi del suo generale in pensione.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT