venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
09.09.2022 Ucraina, cosa serve per vincere
L'analisi del generale Zaluzhny parla anche a noi

Testata: Il Foglio
Data: 09 settembre 2022
Pagina: 2
Autore: Valeri Zaluzhny, Mykhailo Zabrodskyi
Titolo: «Strategia 2023»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 09/09/2022, a pag. II, con il titolo "Strategia 2023", l'analisi del capo delle Forze armate ucraine Valeri Zaluzhny e del tenente generale Mykhailo Zabrodskyi.

Guerrilla tactics offer Ukraine's best deterrent against Putin's invasion  force - Atlantic Council

Traduciamo ampi stralci del testo apparso sul sito Ukrinform, in cui il capo delle Forze armate ucraine Valeri Zaluzhny e il tenente generale Mykhailo Zabrodskyi descrivono cose serve per mettere in sicurezza l’Ucraina nel 2023. Zaluzhny è il generale che dal 2014 ha rivoluzionato l’esercito di Kyiv, nei giorni scorsi la propaganda russa aveva annunciato che il presidente Zelensky fosse sul punto di licenziare il generale per il fallimento dei movimenti di controffensiva nell’oblast di Kherson. Dopo le illazioni Zaluzhny ha pubblicato questo testo che dimostra che è pronto a delineare la strategia ucraina anche per il prossimo anno. I due uomini militari partono dall’immaginare i piani di Mosca che oltre a prendere il controllo del Donbas, non avrebbe rinunciato a conquistare il sud per privare l’Ucraina del mare, insistendo contro Mikolayïv e Odessa e non avrebbe abbandonato neppure l’intenzione di prendere Kyiv.

Nella comprensione odierna della maggioranza di esperti e analisti militari, la guerra su larga scala scatenata dalla Federazione russa contro l’Ucraina il 24 febbraio 2022 è stata esclusa dal concetto di conflitto locale di media intensità. La questione della durata è a sé. Dopotutto, non si inserisce in alcun modo né nel quadro dell’annunciata “guerra lampo” russa né nella durata delle fasi attive delle ostilità nelle guerre di inizio 21esimo secolo. In ogni caso, la durata della guerra già si misura in mesi. E ci sono tutte le ragioni per credere che supererà i confini del calendario del 2022. Quindi, viene naturale ora considerare le prospettive per il prossimo anno. E non solo sotto forma di previsioni e ipotesi: si dovrebbe mirare alla pratica. (...)

Perché la Crimea è un fattore chiave ma non l’unico
La base di un successo russo nel sud dell’Ucraina e, in una certa misura, nell’est, è la difesa del controllo sul territorio temporaneamente occupato della Repubblica autonoma di Crimea. In effetti, la Crimea era e rimane la base per le linee di comunicazione sul fianco strategico meridionale dell’aggressione russa. Il territorio della penisola consente il dispiegamento di importanti gruppi di truppe e rifornimenti di risorse materiali. Infine, la Crimea ospita la base principale della flotta del Mar Nero e una rete di aeroporti per condurre attacchi aerei su quasi l’intero territorio ucraino. Tuttavia, quando si passa alla situazione in cui con molta probabilità si troveranno le Forze armate ucraine nel 2023, tutto sembra meno chiaro. Per le Forze armate ucraine, infatti, la situazione rappresenterà una complessa combinazione tra l’effettiva posizione della linea di contatto, le risorse disponibili e l’insieme delle truppe pronte al combattimento e, ovviamente, l’iniziativa strategica nelle mani del nemico. (...)

Cosa serve
L’unico modo per cambiare radicalmente la situazione strategica è, senza dubbio, lanciare diversi contrattacchi consecutivi e simultanei delle Forze armate ucraine durante il 2023. Non è necessario sottolineare il loro significato puramente militare, oltre che politico e informativo. Quindi, quali forze e mezzi sono necessari per ciò? Se consideriamo la campagna del 2023 come un punto di svolta, dobbiamo tornare alla definizione del baricentro per la Federazione russa in questa guerra. Dopotutto, solo un’efficace influenza sul baricentro del nemico può portare a cambiamenti nel corso della guerra. A condizione che tale baricentro sia definito come controllo sulla penisola di Crimea, è logico ipotizzare di pianificare per il 2023 un’operazione o una serie di operazioni per impadronirsi della penisola. La preparazione di una campagna offensiva richiede la creazione di uno o più gruppi operativi composti da dieci a venti brigate militari combinate, a seconda del piano e delle ambizioni del comando ucraino. Nella situazione attuale, ciò può essere fatto esclusivamente sostituendo i principali tipi di armi delle brigate già esistenti con quelle moderne fornite dai partner dell’Ucraina. Separatamente, dovrebbe essere evidenziata la necessità di ottenere dai partner un numero aggiuntivo di missili e munizioni, sistemi di artiglieria, sistemi missilistici. Tutto ciò richiederà il consolidamento degli sforzi di tutti i paesi partner dell’Ucraina, per molto tempo e notevoli spese finanziarie. Se la situazione sul numero del personale sarà con molta probabilità abbastanza buona per le Forze armate ucraine, lo stesso non si può dire delle armi pesanti e delle munizioni. Ma, in ogni caso, in presenza di volontà politica, anticipo e pianificazione ben ponderata, la creazione e il corretto equipaggiamento sono assolutamente reali.

Se l’invasore perde la Crimea
Quindi, siamo ancora una volta costretti a tornare alla definizione del baricentro del nemico da parte ucraina. Noteremo che il baricentro è la fonte del potere morale e fisico, della forza e della resistenza, ciò che Clausewitz chiamava “la concentrazione di tutto il potere e il movimento da cui tutto dipende, il punto a cui tutta la nostra energia dovrebbe essere diretta”. Supponiamo che le forze armate ucraine abbiano ottenuto il completo successo nella campagna del 2023 e abbiano preso il controllo della penisola di Crimea. Il significato militare di una tale vittoria può essere valutato in modo diverso. La Federazione russa perde una base per la flotta del Mar Nero, una rete di aeroporti, una quantità significativa di scorte di risorse materiali e, molto probabilmente, una quantità significativa di personale e attrezzature. Allo stesso tempo, nulla può impedire in modo significativo il trasferimento della flotta del Mar Nero alla base navale di Novorossiysk, e la presenza militare dell’aggressore nella regione sarà mantenuta insieme alla minaccia di attacchi missilistici. La perdita di una quantità significativa di rifornimenti per le Forze armate della Federazione russa avrà solo un effetto temporaneo. I russi possono recuperare nel tempo perdite di personale e attrezzature, almeno in termini numerici. Proponiamo un approccio leggermente diverso per determinare il baricentro delle forze russe e l’essenza stessa di questa guerra.

Disproporzione delle capacità ucraina e russa: come livellarla
L’incarnazione della disparità più rivelatrice sta nella differenza della portata finale dei mezzi di distruzione. Dall’inizio dell’aggressione su larga scala, i mezzi delle Forze armate ucraine hanno una portata quasi venti volte inferiore a quella del nemico. Tradotto nel linguaggio pratico militare, ciò significa che le Forze armate ucraine, nel migliore dei casi, possono colpire con mezzi di attacco obsoleti solo nella profondità della parte posteriore operativa del nemico. Allo stesso tempo, il nemico è in grado di infliggere impunemente colpi mirati a obiettivi in tutto il territorio del paese. Questo dovrebbe essere considerato il centro di gravità delle Forze armate della Federazione russa da un punto di vista militare. Finché questa situazione persiste, questa guerra può continuare per anni. Naturalmente, è impossibile privare subito il nemico di un vantaggio così significativo. Considerando il numero e la disponibilità delle risorse a disposizione delle Forze armate russe, la possibilità stessa di eliminarla completamente è dubbia. Ma è del tutto possibile contrastare la capacità del nemico di agire. Stiamo parlando della fornitura di sistemi d’arma o di alcuni tipi di munizioni con la portata adeguata da parte dei partner dell’Ucraina alle Forze armate. Non solo e non tanto si intendono nomi certi, come ad esempio il missile Atacms per Himars. Deve essere applicato un approccio globale al riequipaggiamento dell’artiglieria, delle forze missilistiche, dell’aviazione tattica e delle forze navali. La discussione dovrebbe riguardare la costruzione di capacità, non solo la quantità di armi previste per il riequipaggiamento. Solo in questo caso è possibile discutere l’influenza sul vero baricentro della Federazione russa in questa guerra. Grazie a questa distanza, i russi non percepiscono così dolorosamente perdite, fallimenti e, soprattutto, il costo di questa guerra in tutti i suoi significati. Un esempio convincente della correttezza di questo approccio nell’anno in corso sono gli sforzi riusciti delle Forze armate ucraine per trasferire fisicamente le ostilità nel territorio temporaneamente occupato della Repubblica autonoma di Crimea. Si tratta di una serie di attacchi missilistici riusciti contro le basi aeree nemiche della Crimea, in primis contro l’aeroporto di Saki. Il compito delle Forze armate ucraine per il 2023 è rendere questi sentimenti più acuti, più naturali e abbastanza tangibili per i russi e negli altri territori occupati, nonostante la notevole distanza dagli obiettivi. Il vero baricentro del nemico è l’impunità fornita dalla distanza fisica. Il quadro può cambiare radicalmente con una pianificazione e un lavoro adeguati con i paesi partner dell’Ucraina. Un’adeguata visione a lungo termine per riequipaggiare le Forze armate ucraine con sistemi d’arma della portata appropriata dovrebbe diventare il punto di svolta. Tuttavia, l’Ucraina può considerare l’acquisizione di importanti sistemi d’arma dai partner solo come una soluzione per il periodo di transizione. Dai primi giorni dell’aggressione, la parte ucraina ha affrontato l’acuto problema di ripristinare e stabilire la propria progettazione e produzione di campioni di armi ad alta tecnologia. E i requisiti tattici e tecnici per tali campioni dovrebbero già includere parametri appropriati. Non c’è dubbio che gli sforzi nazionali dell’Ucraina in questa direzione aprono opportunità illimitate per la cooperazione tecnico-militare internazionale con i paesi partner.

Le basi della resistenza ucraina
Quando si considerano le prospettive di cooperazione con i partner nella fornitura di armi all’Ucraina, è opportuno sottolineare due fattori significativi, che fin dall'inizio dell’aggressione hanno una notevole influenza sull’adozione di decisioni pertinenti. Il primo di questi è un malinteso sulla portata della guerra russo-ucraina. Nonostante una quantità sufficiente di informazioni ampiamente disponibili, è difficile per la generazione moderna immaginare operazioni di combattimento nello stile della Seconda guerra mondiale nella realtà. La linea di contatto è lunga migliaia di chilometri, decine di migliaia di unità di equipaggiamento militare, più di un milione di persone che partecipano direttamente o indirettamente a questa guerra con le armi in mano. Sirene antiaeree e attacchi missilistici contro città, civili, rifugiati e prigionieri di guerra, attraversamenti di fiumi e tentativi di sfondamento di carri armati: tutto questo per la maggioranza assoluta delle persone nel mondo rimane solo una realtà spettrale delle guerre mondiali del secolo scorso. Allo stesso tempo, per il popolo e le Forze armate ucraine, tutto quanto sopra è già diventato parte integrante della vita quotidiana. In termini di coinvolgimento del personale e delle attrezzature, la resistenza dell’Ucraina all’aggressione russa ha già superato alcuni indicatori delle operazioni di combattimento sul suo territorio durante la Seconda guerra mondiale. Il dispiegamento di un’efficace resistenza al gruppo di oltre 300 mila Forze armate russe ha richiesto la mobilitazione di centinaia di migliaia di persone. E la spesa giornaliera di munizioni delle Forze armate ucraine supera in media tre volte gli indicatori dell’artiglieria reale dell’esercito britannico durante la Prima guerra mondiale. Tenendo conto della durata della guerra e delle prospettive per la campagna del 2023, è improbabile che questi indicatori diminuiscano. Il respingimento dell’aggressione richiede e richiederà notevoli risorse materiali e costi finanziari per molto tempo a venire. Dopotutto, nonostante le perdite dovute alle sanzioni economiche, la dipendenza dai vettori energetici russi e i tentativi individuali di “pacificare” la Federazione russa, la storia mondiale non perdonerà nessun paese connivente con uno spietato predatore che si ubriaca solo di sangue nuovo. Il secondo fattore è la minaccia diretta dell’uso, in determinate circostanze, di armi nucleari tattiche da parte delle Forze armate russe. Le operazioni di combattimento sul territorio ucraino hanno già dimostrato fino a che punto la Federazione russa trascura le questioni della sicurezza nucleare globale anche in una guerra con l’uso di mezzi convenzionali. Dal luglio 2022, le truppe russe hanno allestito una base militare sul territorio della centrale nucleare di Zaporizhzhia, posizionando artiglieria pesante. E’ difficile immaginare che gli attacchi nucleari consentiranno alla Federazione russa di spezzare la volontà di resistenza dell’Ucraina. Ma la minaccia che si presenterà per l’intera Europa non può essere ignorata. E’ impossibile escludere del tutto la possibilità di un coinvolgimento diretto dei principali paesi del mondo in un conflitto nucleare “limitato”, in cui è già direttamente visibile la prospettiva della Terza guerra mondiale. E’ ancora una volta forzato, ma estremamente necessario, tornare alla fonte della fiducia russa, ovvero l’impunità. Qualsiasi tentativo di passo pratico verso l’uso di armi nucleari tattiche deve essere fermato utilizzando l’intero arsenale di mezzi a disposizione dei paesi del mondo. Dopotutto, a partire da questo momento, la Federazione russa diventerà non solo una minaccia per la pacifica convivenza dell’Ucraina, dei suoi altri vicini e di un certo numero di paesi europei, ma anche un vero e proprio stato terrorista globale. A nostro avviso, è proprio tenendo conto di una combinazione di fattori così complessa e ambigua che vanno considerate le prospettive della campagna militare del 2023. Solo la loro piena e complessa considerazione creerà i prerequisiti per il compito dell’Ucraina di sconfiggere le Forze armate del paese aggressore e porre fine alla guerra distruttiva in Europa.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT