martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
09.09.2022 Ucraina, 1000 bambini uccisi, arriva Blinken dagli Usa
Analisi di Paola Peduzzi

Testata: Il Foglio
Data: 09 settembre 2022
Pagina: 1
Autore: Paola Peduzzi
Titolo: «1.000 bambini uccisi»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 09/09/2022, a pag. 1, con il titolo "1.000 bambini uccisi", l'analisi di Paola Peduzzi.

Risultati immagini per paola peduzzi
Paola Peduzzi

Ukraine's president says Russia's recognition of breakaway regions  'violation of sovereignty'
Volodymyr Zelensky

Milano. Il segretario di stato americano, Antony Blinken, è arrivato ieri a sorpresa a Kyiv per discutere con il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, dei nuovi aiuti militari e umanitari, e anche del sostegno agli altri stati minacciati dalla Russia di Vladimir Putin. L’Amministrazione Biden si è impegnata a dare altri 675 milioni di dollari in aiuti militari (missili e veicoli soprattutto) che portano a 15 miliardi di dollari il contributo americano alla difesa dell’Ucraina. Washington darà anche un altro miliardo per il finanziamento militare e una quota uguale agli altri paesi che devono difendersi dalle continue minacce di Putin. “Sosterremo il popolo ucraino as long as it takes”, fino a che sarà necessario, ha detto Blinken, incontrando il presidente, i suoi collaboratori e naturalmente Patriot, il cagnolino sminatore diventato il simbolo del carattere ucraino: resistente, coraggioso, allegro. Secondo il dipartimento di stato, questa nuova tranche di aiuti serve a rafforzare l’esercito ucraino nella sua fase di controffensiva nell’est del paese: Zelensky non vuole dare indicazioni troppo precise di quel che sta accadendo sul campo per non fornire involontariamente coordinate ai russi, ma ha detto che ci sono “buone notizie” dal fronte. Alcune zone sono state riconquistate e la capacità di penetrazione delle forze ucraine nei territori occupati dai russi è superiore a quella che si immaginava all’inizio di questa fase di contrattacco; il costo umano di queste operazioni invece non è definito. L’obiettivo ultimo di Washington è stato enunciato dai funzionari che hanno accompagnato Blinken: quando arriverà il giorno delle trattative, vogliamo che l’Ucraina sia “nella posizione più forte possibile”. E anche se gli americani sanno che Mosca non ha intenzione di negoziare (anzi, fa a pezzi pure l’unico accordo raggiunto finora, quello sul grano); che “il 20 per cento del territorio ucraino è occupato e il 30 per cento del potenziale industriale e agricolo del paese è andato perduto”; e che al momento sul campo non c’è una forza che domina l’altra, stanno preparando per l’Assemblea generale dell’Onu di fine mese il “super bowl della diplomazia”, per mettere insieme un sostegno globale all’Ucraina dando al contempo garanzie ai tanti paesi che sono in crisi energetica e alimentare a causa della guerra di Putin. Contestualmente alla visita di Blinken, il capo del Pentagono, Lloyd Austin, ha riunito nella base tedesca di Ramstein i suoi colleghi, compreso l’ucraino Oleksii Reznikov. Austin, che si è distinto in questi mesi per la sua schiettezza, ha detto, aprendo i lavori per la definizione di quali armamenti siano più utili alla controffensiva ucraina: “Siamo qui perché ci rifiutiamo di vivere in un mondo in cui delle grandi potenze calpestano i confini con la forza”. Chi sostiene le guerre putiniane dirà: e allora voi americani? Alcuni ucraini sospireranno: se le armi più efficaci fossero arrivate prima, le cose sarebbero andate diversamente. L’Onu ha detto nel suo ultimo report che sono morti, nella guerra voluta da Putin, mille bambini ucraini.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT