venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
07.09.2022 Orban alleato di Putin
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 07 settembre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Non cediamo al ricatto di Orbán»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 07/09/2022, a pag.3, l'editoriale "Non cediamo al ricatto di Orbán".

How Viktor Orbán Wins | Journal of Democracy
Viktor Orbán

Il governo di Viktor Orbán ha deciso di istituire un nuovo organismo anticorruzione in Ungheria nel tentativo di sbloccare l’approvazione del piano di Recovery da parte della Commissione europea. In gioco ci sono 7,2 miliardi di euro in sovvenzioni, che Orbán rischia di perdere per sempre se l’Ue non darŕ il via libera entro la fine dell’anno. In un contesto di crisi economica, con problemi di bilancio nazionali per la sua politica di sussidi, il governo ungherese ha bisogno assoluto dei fondi dell’Ue. La presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, č di fronte a un dilemma. Molti osservatori esterni ritengono che il nuovo organismo anticorruzione sia solo una riforma di facciata. Ma negare a Orbán i miliardi del Recovery potrebbe spingerlo a usare in modo dirompente il suo diritto di veto nell’Ue. Orbán in parte lo sta giŕ facendo. A maggio ha bloccato l’approvazione della direttiva dell’Ue sulla tassazione delle multinazionali. Cosa piů grave, i veti del premier ungherese – quello sull’embargo petrolifero russo o le sanzioni contro il patriarca di Mosca Kirill – stanno limitando la capacitŕ dell’Ue di agire a sostegno dell’Ucraina. Secondo Radio Free Europe, l’Ungheria ora minaccia di bloccare il rinnovo delle sanzioni dell’Ue contro oltre mille individui e cento entitŕ russe se tre oligarchi – Alisher Usmanov, Pëtr Aven e Viktor Rashnikov –- non saranno tolti dalla lista nera. In realtŕ, cedere al ricatto di Orbán sullo stato di diritto sarebbe un grave errore anche nel contesto della guerra all’Ucraina. Il premier polacco, Mateusz Morawiecki, che finora non ha ottenuto l’esborso dei fondi del Recovery, ha detto di voler rilanciare il gruppo di Visegrád per fare causa comune con Orbán contro l’Ue malgrado le divisioni dei due sulla Russia.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT