martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
06.09.2022 Putin schiaccia tutto
Le condanne a Novaja Gazeta e Safronov

Testata: Il Foglio
Data: 06 settembre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «La ruspa russa schiaccia tutto»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 06/09/2022, a pag.3, l'editoriale "La ruspa russa schiaccia tutto".

FNSI - Il Nobel per la Pace Dmitry Muratov dona il premio ai rifugiati  ucraini
Dmitri Muratov

Un tribunale di Mosca ha revocato la licenza di stampa di Novaja Gazeta, la testata diretta dal Premio Nobel per la Pace Dmitri Muratov e che, dalla sua fondazione, aveva rappresentato un’idea di futuro per la nazione che non si è mai concretizzata. Il giornale non potrà più andare in stampa: qualche settimana dopo l’invasione dell’Ucraina la redazione aveva deciso di fermare le pubblicazioni per la difficoltà di raccontare la guerra con tutte le regole imposte dal Cremlino, ma aveva promesso che sarebbe tornato a uscire. Una parte dei giornalisti si è trasferita in Lettonia e per il momento la testata ha una sua versione online. Il commento di Muratov è stato: “Il giornale è stato ucciso oggi”. La decisione sulla licenza arriva a meno di una settimana dalla morte dell’ultimo leader sovietico Michail Gorbaciov, che pure aveva contribuito a fondarlo. E arriva lo stesso giorno della sentenza di condanna contro il giornalista Ivan Safronov, che dovrà trascorrere ventidue anni in carcere con l’accusa di tradimento. Safronov ha lavorato per Kommersant, per Vedomosti, e per l’agenzia spaziale Roscosmos, e avrebbe raccolto informazioni segrete sull’esercito per conto della Repubblica ceca. Secondo i difensori la condanna sarebbe una rappresaglia per l’articolo del 2019 in cui Safronov raccontava della vendita di jet da combattimento russi al Cairo – l’articolo fece scoppiare uno scandalo diplomatico. Secondo i suoi colleghi, che hanno rilasciato una dichiarazione congiunta, “il motivo della persecuzione di Ivan Safronov non è il ‘tradimento’, che non è stato dimostrato, ma il suo lavoro giornalistico”. In un solo giorno due tribunali di Mosca hanno affossato una testata che ha rappresentato la storia del giornalismo in Russia e dimostrato che un giornalista può essere punito per tradimento anche senza prove. Il messaggio è: le inchieste si pagano care. La ruspa russa, da quando è stata invasa l’Ucraina, continua a trovare frammenti di libertà da schiacciare. Non sopporta nessuna voce di dissenso, neppure se flebile.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT