giovedi` 08 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
24.08.2022 Dagli Usa missili più potenti
Analisi di Cecilia Sala

Testata: Il Foglio
Data: 24 agosto 2022
Pagina: 5
Autore: Cecilia Sala
Titolo: «Gli Stati Uniti spediscono in segreto missili più potenti. Il nuovo pacchetto ci dice dove va la guerra»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 24/08/2022, a pag.5, con il titolo "Gli Stati Uniti spediscono in segreto missili più potenti. Il nuovo pacchetto ci dice dove va la guerra", l'analisi di Cecilia Sala.

Cecilia Sala (@ceciliasala) | Twitter
Cecilia Sala

Why does Ukraine need longer-range weapons from the US? | Financial Times

Roma. L’ultimo pacchetto di aiuti militari all’Ucraina – insieme a ciò che l’Amministrazione Biden dice (e omette) sugli invii di armi – contiene una serie di indicazioni utili a capire quale piega può prendere la guerra. Le questioni interessanti sono due, primo: quando finirà lo stallo e si intensificherà il confronto sulla linea di contatto tra le truppe di Mosca e di Kyiv. Né il lancio di missili russi sulle città e i sui villaggi né i bombardamenti ucraini contro basi e depositi di munizioni in Crimea cambiano la disposizione dei colori sulle mappe che usiamo per monitorare l’evoluzione del conflitto, per capire chi avanza e chi indieteggia e farci un’idea su quale parte sia in vantaggio. Secondo: gli Stati Uniti hanno cominciato a fornire all’Ucraina delle armi che non vengono dichiarate ufficialmente e che spediscono in segreto? Prima questione. Nell’ultimo pacchetto di aiuti da 775 milioni di dollari ci sono 40 veicoli per le truppe che resistono alle esplosioni e hanno rulli e antenne posizionati all’altezza del paraurti che servono a scovare le mine. L’ufficiale del Pentagono che ha presentato la lista delle nuove armi ha detto che servono “in particolare per il sud”. La controffensiva è già in corso, ma nella fase della campagna che serve a minare la possibilità russa di mantenere e rifornire le truppe che occupano Kherson. Per passare alla fase successiva (i movimenti sul terreno per sfondare le linee nemiche) la prima cosa da fare sarà proprio attraversare la zona cuscinetto che i russi hanno disseminato di mine per proteggersi. Nel pacchetto ci sono anche 2000 lanciarazzi spalleggiabili e i missili Tow, che non sono così leggeri da essere portati a spalla ma sono comunque facili da muovere (si usano appoggiati su un treppiedi oppure montati su un veicolo) – sono tutte armi utili per un combattimento a distanza ravvicinata. Non vuol dire che l’offensiva “corpo a corpo” sia a portata di mano (da quando Zelensky ha iniziato a parlarne, i russi hanno raddoppiato la presenza di soldati a Kherson e adesso sono circa ventimila), ma le nuove armi servono a questo scopo. Gli Himars (che con le munizioni ufficialmente fornite all’Ucraina sparano a 77 chilometri) sono fondamentali ma servono a colpire obiettivi strategici in profondità nelle retrovie, sono inutili se lo scopo è spostare un po’ più in là la linea del fronte. Ieri, alla conferenza stampa insieme al presidente polacco Duda, Zelensky ha promesso “bombardamenti molto potenti” contro i russi se colpiranno le città ucraine durante la festa dell’Indipendenza. Forse intende bombardamenti paragonabili a quello (molto potente) del 9 agosto contro una base in Crimea, a 225 chilometri dalla linea del fronte (gli ucraini non hanno un’arma con una gittata simile). Gli esperti militari – e in particolare Michael Weiss e James Rushton – si chiedono se operazioni così non siano rese possibili da armi che la Casa Bianca non ha mai comunicato di aver fornito e, in particolare, dagli Atacms. Permettono di colpire a 300 chilometri e hanno una testata che pesa 225 chili: i crateri causati dalle esplosioni in Crimea hanno un diametro di 10 metri, che è quello che provoca una testata da 225 chili. La settimana scorsa, durante il briefing del Pentagono, è stato chiesto “perché non mandiamo gli Atacms?”, l’ufficiale ha risposto con un giro di parole evitando di dire che non c’è una fornitura a Kyiv di questi missili. Ultimo indizio: all’inizio di agosto sono uscite delle foto con i resti di un missile Harm: gli Stati Uniti non li avevano mai annunciati, hanno ammesso di averli spediti a Kyiv solo dopo che sono uscite le prove.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT