domenica 25 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Theodor Herzl: l'uomo e il simbolo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
13.08.2022 La minaccia nucleare come arma
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 13 agosto 2022
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «L’èra della deterrenza»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 13/08/2022, a pag. 1, con il titolo "L’èra della deterrenza", il commento di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Is Russia About To Use Nuclear Weapons In Ukraine? Probably Not.

Roma. L’invasione russa dell’Ucraina ha fatto crollare il principio che si era affermato con la fine della Guerra fredda della pace attraverso il commercio. Alla deterrenza armata tra due potenze nucleari, Stati Uniti e Unione sovietica, si era sostituita una proficua e tranquillizzante deterrenza commerciale. La sfida fatta di minacce si era sublimata in una serie di trattati di non proliferazione. Ma dopo la guerra in Ucraina il tema delle armi nucleari è tornato centrale, con la Russia che minaccia di poterne fare uso. Al Washington Post fonti anonime hanno raccontato che tra i documenti che i federali cercavano a casa di Trump c’erano carte relative ad armamenti nucleari e l’Fbi ha sequestrato 11 serie di documenti classificati, tra cui alcuni contrassegnati come top secret e destinati a strutture governative speciali. In un momento in cui si torna a parlare di nucleare come mezzo di deterrenza, la consapevolezza che Trump abbia portato materiale classificato a Mar-a-Lago desta timori seri sul fatto che dettagli di intelligence possano essere finiti in mano ad avversari che in questo modo potrebbero studiarli e approfittarne per trovare il modo di contrastare i sistemi americani. Oppure altri paesi potrebbero considerare l’esposizione dei loro segreti nucleari una minaccia.

How many nuclear weapons does Russia have? - BBC News

Gli esperti che hanno parlato con il Washington Post non hanno specificato se i documenti riguardino armi americane o straniere. Trump ha detto che si tratta di una “bufala” e ne ha approfittato per accusare Obama di essersi appropriato di documenti classificati “molti dei quali riguardanti il nucleare”. Questa settimana il ministero degli Esteri russo ha annunciato la sospensione delle ispezioni al suo arsenale nucleare da parte degli Stati Uniti. Erano previste dal trattato New Start, in vigore dal 2011 per monitorare gli armamenti reciproci di Mosca e di Washington: limita a 1.550 il numero di testate nucleari a lungo raggio di ciascun paese. E’ stato un segnale di rottura importante anche perché l’annuncio è arrivato pochi giorni dopo quello in cui il presidente americano Joe Biden aveva dimostrato la volontà di negoziare un nuovo accordo prima della scadenza del New Start. La Russia usa spesso la minaccia nucleare per indebolire gli aiuti degli alleati dell’Ucraina e per il momento gli Stati Uniti hanno escluso che Mosca si stia preparando a utilizzare le sue testate, ma intanto minaccia, e la consapevolezza che anche gli Stati Uniti sono una potenza nucleare è un argine alla minaccia. Quando Trump, da presidente, decise di ritirarsi dal trattato con la Russia Inf (Intermediate-range nuclear forces Treaty), lo fece dicendo che era ormai “obsoleto” e che si sarebbe dovuto rifare da capo, per renderlo più vincolante per Mosca e per includervi anche la Cina, che in questi anni è diventata una potenza missilistica e nucleare. La guerra in Ucraina e le minacce cinesi a Taiwan hanno mostrato quanto sia importante il concetto di deterrenza. In un lungo articolo pubblicato sull’Atlantic, il generale americano ed ex direttore della Cia, David Petraeus, illustra gli errori che gli Stati Uniti hanno fatto in Afghanistan e sottolinea quanto il ritiro confuso da Kabul abbia consentito agli avversari di pensare che l’America fosse una potenza in declino: “In un’epoca in cui la deterrenza è sempre più importante, questo fatto non è trascurabile”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT