martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
09.08.2022 Mosca vuole annettere le zone occupate prima della controffensiva
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 09 agosto 2022
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Mosca vuole annettere le zone occupate prima della controffensiva»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 09/08/2022, a pag. 1, con il titolo "Mosca vuole annettere le zone occupate prima della controffensiva", il commento di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Zelensky says Ukraine wants to build stronger ties with Africa
Volodymyr Zelensky

Roma. Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha detto che qualsiasi negoziato con Mosca diventerà impossibile se nei territori occupati dall’esercito russo verranno organizzati dei referendum per l’annessione. Il voto dovrebbe tenersi a Kherson e nella regione di Zaporizhzhia, dove ieri Evgeny Balitski, capo dell’amministrazione civile-militare, ha annunciato l’inizio dei preparativi per il voto. Nella regione si trova la centrale nucleare che i russi usano per lanciare attacchi e come deposito, e in questi giorni Mosca e Kyiv si accusano a vicenda di bombardarla. Il Cremlino ha fretta di annettere i territori conquistati, ma non sta rispettando le tempistiche che si era prefisso. Secondo il sito Meduza, Mosca pensava di tenere un referendum l’11 settembre, il voto dovrebbe essere esteso anche alle oblast di Luhansk e Donetsk, ma mentre la prima è sotto il completo controllo di Mosca, la seconda ancora no: faticosamente i soldati sono arrivati a occupare il 60 per cento del territorio e potrebbero non riuscire a conquistare tutto per i primi di settembre. I dubbi più profondi riguardano però la regione di Kherson, la prima che Mosca è riuscita a conquistare e in cui è cominciata la controffensiva di Kyiv, che ieri è riuscita a colpire ancora una volta il ponte Antonivsky, l’arteria che Mosca utilizza per rifornire le truppe. Accanto allo sforzo militare, nelle aree occupate, la Russia ha portato avanti anche la missione propagandistica, che però è molto indietro. Il nome proposto per la campagna referendaria è “Insieme alla Russia”, ma secondo alcuni sondaggi, la voglia di stare con Mosca nelle aree di Zaporizhzhia e di Kherson è poca: soltanto il 30 per cento della popolazione rimasta è favorevole all’adesione alla Russia. Una percentuale ritenuta bassa anche per chi a Mosca ritiene che il voto andrà “secondo necessità”, quella di Mosca, ovviamente. I funzionari del Cremlino sono divisi tra chi crede che vada dato più tempo per convincere la popolazione che passare con la Russia è conveniente e chi invece ritiene che il referendum vada fatto il prima possibile, prima che la controffensiva ucraina diventi più spedita. Dopo il referendum, Kherson, come Zaporizhzhia, come le due oblast del Donbas, diventerebbero territorio russo, quindi da difendere come territorio di Mosca da qualsiasi attacco o contrattacco. La regione di Kherson è stata la prima conquistata da Mosca, che ora cerca di non perderla, mentre gli ucraini riescono a riconquistare villaggi. Sono pochi gli abitanti della regione, in cui è entrato in vigore il rublo e si ascolta la propaganda russa, ma il sostegno per Mosca non si è mai concretizzato. Dai primi di marzo, gli abitanti che non sono riusciti a fuggire hanno protestato e hanno combattuto contro l’amministrazione filorussa che si è insediata dopo l’occupazione. Pavel Slobodchikov, politico locale dalla parte di Mosca entrato nel “Comitato di salvezza nella regione di Kherson per la pace e l’ordine”, un organo formato dai russi, è stato ucciso nei primi giorni dell’occupazione: qualcuno ha sparato raffiche di fucile contro la sua macchina. Nel fine settimana, Vladimir Saldo, sindaco arrivato a Kherson con i russi, è stato portato a Mosca all’Istituto di ricerca Sklifosovsky. Sui media russi qualcuno ha suggerito che si tratta di Covid o di esaurimento dovuto al troppo lavoro. Molta confusione per far capire che nessuno vuole dire la verità sullo stato di salute di Saldo mentre gli ucraini non escludono un tentativo di avvelenamento. Dall’inizio dell’invasione, i pochi abitanti rimasti nella Kherson fantasma cercano di combattere i collaborazionisti di Mosca e anche se il Cremlino non ha intenzione di fare un vero referendum, ma solo un voto di facciata, l’opposizione interna unita alla controffensiva mostrano che la stabilità sarà complessa da raggiungere.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT