mercoledi` 10 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
06.08.2022 Amnesty equipara aggressore e aggredito: vergogna!
Analisi di Micol Flammini, Andrea's Version di Andrea Marcenaro

Testata: Il Foglio
Data: 06 agosto 2022
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini - Andrea Marcenaro
Titolo: «Amnesty Today - Andrea's Version»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 06/08/2022, a pag. 1, con il titolo "Amnesty Today", il commento di Micol Flammini; "Andrea's Version" di Andrea Marcenaro.

Ecco gli articoli:

Amnesty International Demands Release of Incarcerated Workers and Teacher  in Iran | Iran International

Micol Flammini: "Amnesty Today"

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Roma. Amnesty International ha pubblicato un rapporto in cui afferma che “la condotta di guerra dell’Ucraina ha messo in pericolo la popolazione civile”. I ricercatori dell’ong, si legge nell’inchiesta, hanno trascorso settimane a indagare sugli attacchi russi nelle regioni di Kharkiv, Mykolaïv e alcune zone del Donbas. Hanno visitato i luoghi colpiti, hanno intervistato i sopravvissuti e i parenti delle vittime, hanno analizzato le armi utilizzate e hanno concluso che le forze ucraine hanno “lanciato attacchi da centri abitati, a volte dall’interno di edifici civili, in 19 città e villaggi”. In sintesi: cercavano le colpe dei russi e hanno trovato quelle degli ucraini. Le accuse vanno avanti: i soldati di Kyiv utilizzavano gli ospedali e le scuole come basi militari. Il rapporto condanna i soldati di Kyiv e dice che “usare gli ospedali a scopi militari è un’evidente violazione del diritto umanitario internazionale”. La propaganda di Mosca ha subito esultato, dopo tutto è dal 24 febbraio che giustifica le stragi di civili dicendo che l’esercito russo non colpisce i cittadini, ma sono gli ucraini che usano i civili come scudi. Ma il rapporto presenta diversi punti poco chiari: innanzitutto non vengono menzionati luoghi specifici né dettagli. Katerina Sergatskova, giornalista ucraina e direttrice del sito Zabarona, spiega al Foglio che Amnesty ha basato la sua ricerca su interviste a testimoni, senza coinvolgere i rappresentanti del ministero della Difesa. “Non è chiaro come e se gli investigatori abbiano verificato le prove. Il problema più grande è che Amnesty non ha accesso alla parte russa della guerra, non possono indagare le atrocità commesse nei territori occupati o sul territorio legale della Russia dove è stata bandita”. L’organizzazione doveva prendere una decisione e ha scelto di indagare solo una parte, quella della vittima, quella che le consente l’accesso. Sergatskova invita a prendere come esempio il bombardamento a Vinnytsia, che non si trova nelle aree investigate da Amnesty. La Russia spiegò che l’attacco era diretto contro la Casa dell’ufficiale, dove militari ucraini e stranieri si erano incontrati. La loro presenza non è stata dimostrata mai, anzi, la Casa dell’ufficiale è ormai un centro concerti, ma anche se ci fossero stati militari all’interno, questo non li rende violatori del diritto internazionale. Invece il fatto che la Russia abbia bombardato la struttura è una violazione. Oppure, Mosca sta prendendo di mira tutto quello che ha a tiro, anche le fermate degli autobus, che difficilmente costituiscono una base per i militari. La parte più grave del rapporto è che pretende di fare luce e di portare la verità con un’inchiesta parziale. “Non contiene alcuna informazione sui metodi di Mosca contro l’Ucraina e su come per prima Mosca abbia violato il diritto internazionale”. L’Ucraina è presentata come parte alla pari, come se tra aggressore e aggredito non ci sia differenza. Nel 2021, quando l’oppositore del Cremlino Alexei Navalny era stato imprigionato al suo ritorno in Russia, Amnesty International tolse il suo nome dalla lista dei “prigionieri di coscienza”, per commenti nazionalisti fatti in passato. Poi è stato reinserito, ma allora come oggi, l’organizzazione per mostrarsi al servizio della verità, della purezza, usa il trucco pericoloso dei pacifisti: dimentica che Navalny è stato avvelenato ed è rinchiuso in una colonia penale. Dimentica che l’Ucraina è costretta a combattere una guerra contro un aggressore che uccide e distrugge. Amnesty non potendo avere accesso alla parte russa si accontenta di investigare chi subisce la violenza, e la chiama imparzialità.

Andrea Marcenaro: "Andrea's Version"

Immagine correlata
Andrea Marcenaro

Molte sono, ma tra le cose straordinarie una pare questa: se Israele si trovasse nella parte dell’Ucraina, mentre l’Ucraina in quella di Israele, la Russia finirebbe di rompere i coglioni in Ucraina, la Jihad, con nuove armi pesanti agli ucraini o no, di frantumarli in Israele, e gli umanissimi compagni di Amnesty International continuerebbero a non capire un beneamato cazzo né di una cosa né dell’altra.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT