martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
28.07.2022 Finalmente Kissiger ragiona
No concessioni a Putin

Testata: Il Foglio
Data: 28 luglio 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Il realismo è: no concessioni a Putin»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 28/07/2022, a pag. 3, l'editoriale "Il realismo è: no concessioni a Putin".

Henry Kissinger'dan dünya savaşı uyarısı | ŞARKUL AVSAT
Henry Kissinger

Henry Kissinger ha modificato il suo approccio alla guerra o forse soltanto l’obiettivo della sua politica realista. Novantanove anni, Nobel per la Pace per il negoziato in Vietnam del 1973, ex consigliere per la Sicurezza ed ex segretario di stato, uno degli architetti della politica estera americana dagli anni Settanta e ancora oggi molto influente, Kissinger ha detto in un’intervista alla Zdf tedesca (anche lui è tedesco: scappò da Hitler) che fare concessioni territoriali alla Russia in Ucraina non è un’opzione da prendere in considerazione e che l’occidente deve concordare con Kyiv quali sono le questioni sul tavolo e quali no, in qualsiasi circostanza. La guerra di Vladimir Putin è entrata nel sesto mese, non c’è un vincitore sul campo, l’unico accordo siglato è stato quello sullo sblocco dell’esportazione del grano su cui la Russia non collabora (ha già rubato e rivenduto grano ucraino in grandi quantità) e l’idea che l’Ucraina debba accettare decurtazioni territoriali che significano un’occupazione violenta e sanguinosa ha finito per risultare indigesta anche per il realista Kissinger. Il quale dice di non essere stato ascoltato con attenzione sulla guerra, a partire daldiscorso a Davos, a maggio, quando aveva detto che l’Ucraina doveva negoziare “prima di creare sconvolgimenti e tensioni che difficilmente potranno essere superati”.

Usa, Putin imporrà la legge marziale in Russia - Ultima Ora - ANSA
Vladimir Putin

Era sembrato ai più un monito a Kyiv: non volere troppo, altrimenti la guerra non finisce o diventa nucleare. Kissinger ha detto di essere stato frainteso, che l’occidente assieme all’Ucraina deve dotarsi di obiettivi politici oltre che militari. In realtà ci sono già gli obiettivi politici, come quello dello sblocco dei porti, ma quando sembrano raggiungibili Putin fa capire che non è così. Kissinger pensa che si debba insistere, così come pensa che, visto che con la Russia i margini del realismo sono ormai minuscoli, si debba cercare di evitare di ritrovarsi nella stessa situazione con la Cina: “Il confronto senza fine”, ha detto il realista più noto del mondo, è pericoloso.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT