venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
28.07.2022 Oggi Biden e Xi si telefonano in video
Analisi di Paola Peduzzi

Testata: Il Foglio
Data: 28 luglio 2022
Pagina: 1
Autore: Paola Peduzzi
Titolo: «Le zanne cinesi»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 28/07/2022, a pag. 1, con il titolo "Le zanne cinesi", l'analisi di Paola Peduzzi.

Risultati immagini per paola peduzzi
Paola Peduzzi

Di che cosa hanno parlato Cina e Usa nell'incontro diplomatico di Roma -  ilGiornale.it

Milano. Oggi ci sarà la prima conversazione telefonica tra Joe Biden e Xi Jinping dallo scorso marzo e arriva in un momento che Edward Luce, editorialista del Financial Times, definisce così: il momento prima in cui due treni rischiano di scontrarsi – e non c’è un tecnico che scambi i binari per evitare lo schianto. C’è un allarmismo inconsueto, alimentato da alcuni e raffreddato da altri, ma che resta inquietante: l’ultima volta che c’era stata aria di guerra era febbraio, poi la Russia ha invaso l’Ucraina. Con la Cina il problema (uno dei) è Taiwan, che Washington è disposta a difendere anche militarmente, come ha detto Biden a maggio, e che Pechino considera un territorio cinese, non uno stato autonomo. In particolare, la speaker della Camera Nancy Pelosi ha pianificato una visita a Taipei, che ancora non è stata confermata ma che è già diventata un precedente: se la Pelosi va, i cinesi già minacciano “conseguenze serie”; se non va, l’America dimostrerà di essersi piegata alla volontà di Pechino. In entrambi i casi, la volontà di Biden di mantenere aperto un canale di comunicazione con la Cina ne esce ridimensionata. L’establishment della difesa e della sicurezza americana è convinto che la guerra di Putin in Ucraina abbia incoraggiato Pechino a utilizzare toni più belligeranti.

Il nuovo dittatore cinese, Xi Jinping – Orizzonti Politici –

Questa consapevolezza si è cementata durante il Security Forum di Aspen della settimana scorsa, il “Burning Man della sicurezza”, come lo chiamano non senza enfasi i partecipanti (selezionatissimi). Jeffrey Goldberg, direttore dell’Atlantic, ha conversato (non si chiamano nemmeno panel questi incontri di Aspen) con Jake Sullivan, consigliere per la Sicurezza nazionale, il quale dice a proposito delle lezioni che la Cina sta imparando dalla guerra russa: “Puoi guardare a quello che la Russia ha fatto in Ucraina, un esercito molto più grande che ne attacca uno ben più piccolo e che non ha ancora raggiunto i suoi obiettivi, e dire: ehi, forse dobbiamo rivedere tutta la nostra strategia. Ma puoi anche dire: come possiamo fare meglio della Russia se ci ritroviamo nella stessa situazione?”. Se l’occidente vince in Ucraina, alla Cina passa la voglia di invadere Taiwan?, chiede Goldberg. “Non è mai così semplice, ma penso che questo possa avere un impatto? Sì. E penso che parte dei nostri obiettivi in Ucraina sia mostrare forza, resistenza, stabilità, accortezza perché questo avrà un impatto sulla nostra capacità di deterrenza su altri paesi”. Julia Ioffe, giornalista americana nata a Mosca che ora scrive su Puck, un nuovo media che ha fondato, era ad Aspen e ha raccontato parole, toni, atteggiamenti dell’ambasciatore cinese a Washington, Qin Gang, ospite del forum. La versione sintetica della Ioffe è: “La performance dell’ambasciatore Qin è caduta come una testata nucleare” sull’incontro e quindi sull’establishment che prende le decisioni strategiche su Pechino. Qin non ha mai fatto un sorriso né una battuta, ha in modo calmo e feroce sviscerato la politica americana nei confronti della Cina. Ha detto che Biden sta “costruendo un nuovo muro di Berlino” e “imponendo conseguenze insostenibili per il mondo”; ha accusato Washington di “manipolazione, disinformazione, menzogne e attacchi malevoli”; ha detto che l’accordo del 4 febbraio scorso tra Pechino e Mosca non è un’alleanza, “mostra che questi due paesi s’oppongono insieme alla mentalità da Guerra fredda”; ha detto che la guerra in Ucraina non è “bianca o nera”, “è una lunga storia”, “bisogna sedersi, calmarsi, negoziare un cessate il fuoco e trovare una via d’uscita da questa situazione”; ha denunciato il “doppio standard” dell’America, che difende l’integrità territoriale dell’Ucraina ma attacca la Cina “insistendo” sul fatto che Taiwan è una nazione a sé. Quando Qin ha citato Lincoln (“una casa divisa contro sé stessa non può reggere”), il pubblico di Aspen ha avuto un mancamento. “Ecco la diplomazia da lupi in piena mostra, con le zanne scoperte e luccicanti sotto il sole di Aspen”, scrive la Ioffe. E con la Pelosi in arrivo a Taiwan.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT