martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
22.07.2022 Putin, minaccia come l’Iran con Israele
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 22 luglio 2022
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Medvedev minaccia di cancellare Kyiv 'dalla mappa del mondo'»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 22/07/2022, a pag. 1, con il titolo "Medvedev minaccia di cancellare Kyiv 'dalla mappa del mondo' ", il commento di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Dmitri Medvedev,
Dmitri Medvedev

Roma. L’ex presidente russo, Dmitri Medvedev, dall’inizio dell’invasione contro l’Ucraina ha cominciato a farsi vedere e sentire molto di più di prima. La sua linea è tra le più dure, non si limita ad appoggiare la guerra contro Kyiv, ma sul suo canale telegram minaccia anche i paesi occidentali. In uno dei suoi ultimi messaggi ha stilato un elenco di undici fatti già avvenuti o che avverranno presto, tutti catastrofici, ma che per l’ex presidente non hanno nulla a che vedere con le responsabilità di Mosca. L’elenco è vasto e va dal fatto che “quei pazzi degli europei sono stati cinicamente truffati dagli americani e sono stati costretti a farsi carico delle conseguenze dolorose delle sanzioni” e quindi “avranno un freddo feroce nelle loro case quest’inverno”, ai pronostici per il futuro che riflettono i piani di Mosca. Nel suo post Medvedev scrive che l’Ucraina dopo il 2014 ha perso la sua indipendenza ed è passata sotto il controllo dell’“occidente collettivo” – come i funzionari di Mosca chiamano gli Stati Uniti e i loro alleati – e ha creduto che la Nato avrebbe assicurato la sua sicurezza. La conseguenza è che “l’Ucraina potrebbe perdere i resti della sovranità statale e scomparire dalla mappa del mondo”. Mercoledì il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, anche lui tra i più feroci sostenitori dell’invasione, ha detto che gli obiettivi militari di Mosca sono cambiati e non si concentrano più soltanto sul Donbas, ma riguardano anche altri territori. “La geografia – ha detto Lavrov – ora è diversa. Non sono soltanto le repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, ma anche le regioni di Kherson e Zaporizhzhia e una serie di altri territori, e questo processo continua, in modo costante e ostinato”. Le parole del ministro si riferiscono all’intenzione di Mosca di organizzare dei referendum in questi territori, di seguire il modello Crimea anche altrove per legittimare il potere russo nei territori ucraini. Il voto potrebbe tenersi a settembre e gli ucraini stanno cercando di accelerare la controffensiva a sud per impedirlo, soprattutto ora che la Russia sembra di nuovo aver esaurito le forze: il capo dell’MI6, Richard Moore, ha detto che Mosca spera di riuscire a trovare il modo di fare una pausa dai combattimenti. Lavrov ha escluso la possibilità di trattare con l’Ucraina, ha chiuso a ogni spiraglio di trattativa: Mosca non è interessata ai negoziati. Medvedev in queste settimane è sempre più visibile, e ha iniziato anche a compiere dei viaggi istituzionali, cosa che non faceva da tempo, da quando era primo ministro: ieri era a Rostov per incontrare delle famiglie di sfollati, nei giorni precedenti era stato a Volgograd per incontrare dei veterani, due attività legate all’invasione. La sua posizione è sempre più ufficiale e le sue parole ormai vanno oltre anche rispetto alle parole del ministro degli Esteri. Medvedev esce dalla retorica dell’operazione speciale nata per liberare gli ucraini da un governo illegittimo e nazista: usa invece termini della guerra e dice che l’Ucraina deve “sparire dalla mappa”. Non è la prima volta che si sente uno stato dichiarare la volontà che un altro venga cancellato, sparisca e smetta di esistere. L’Iran, stato considerato sponsor del terrorismo, è solito fare le stesse affermazioni sullo stato di Israele.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT