venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
21.07.2022 Mosca giustifica i suoi crimini con teorie da cartone animato
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 21 luglio 2022
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Mosca giustifica i suoi crimini con teorie da cartone animato»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 21/07/2022, a pag. 1, con il titolo "Mosca giustifica i suoi crimini con teorie da cartone animato", il commento di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Vertice a Teheran fra Russia, Turchia e Iran | Euronews
Putin con Raisi e Erdogan a Teheran

Roma. Con l’aria di stare rivelando qualcosa di molto importante alla Russia e al mondo, i deputati russi hanno detto che Mosca sta indagando sulle attività dei laboratori biologici americani sul territorio dell’Ucraina. In precedenza il ministero della Difesa aveva accusato gli americani di aver costruito laboratori per sviluppare un virus pericoloso in grado di provocare una pandemia o armi batteriologiche. Questa volta però, l’accusa è diversa e riguarda gli esperimenti svolti sui soldati ucraini, dicono i deputati: un esame del sangue dei militari avrebbe mostrato che sono stati sottoposti a esperimenti segreti, eseguiti con l’unico proposito di trasformarli in “mostri più crudeli”. Questo, secondo alcuni rappresentanti della Duma, spiegherebbe “le atrocità” che i soldati di Kyiv “commettono contro la popolazione civile” e sarebbe “la conferma di un sistema di creazione di macchine per uccidere più crudeli che avviene sotto il controllo degli Stati Uniti”. La propaganda russa cerca di spiegare l’inspiegabile e di rendere visibile quel che è invisibile perché non esiste, e arriva a creare delle teorie che sembrano ormai uscire da un cartone animato. La scommessa è: più sarà strampalata la teoria, più questa guerra potrà essere giustificata. Se prima le autorità russe lasciavano che fossero i canali della propaganda a promuovere congetture fantascientifiche, che poi si insinuavano tra le discussioni dei cittadini, negli ultimi tempi sono le stesse autorità a farsene carico: le teorie strampalate, le accuse fantascientifiche sono ormai ufficiali. Questo atteggiamento si applica anche ai tentativi di Mosca di imporre le sue teorie su ogni singolo bombardamento. Di recente ha spiegato la sua versione sui missili lanciati contro Vinnytsia il 14 luglio, una città lontana dal fronte, senza obiettivi militari nelle vicinanze. Il bombardamento ha causato più di venti morti e Mosca ha esultato dicendo di aver colpito l’edificio della Casa degli ufficiali in cui, secondo il ministero della Difesa russo, si stava tenendo una riunione del comando delle Forze armate ucraine con i fornitori di armi stranieri, e quindi c’erano dentro dei nazisti. L’edificio appartiene all’aeronautica, ma è ormai un centro in cui si organizzano concerti e mostre e al suo interno, il giorno del bombardamento, stava facendo le prove la band di una cantante ucraina, Roxolana. Mosca ha sentito la necessità di raccontare anche la sua versione su uno dei bombardamenti più indiscriminati e mortiferi dall’inizio della guerra, quello contro il Teatro drammatico di Mariupol. La struttura era diventata il rifugio di molti cittadini, al suo interno si trovavano ancora acqua potabile, cibo ed elettricità. Per rendere ancora più chiaro che era il rifugio di civili, la struttura era stata segnalata con la scritta “deti”, bambini. Il 16 marzo il teatro è stato bombardato e completamente distrutto, il numero di morti è stato indicativamente stimato intorno alle trecento persone. Associated Press ha svolto un’inchiesta, stabilendo che i morti sarebbero stati molti di più, il doppio. Questa settimana anche la Russia ha voluto mettere la sua firma su un’inchiesta tutta sua e ha stabilito che dalle macerie del teatro si capisce che non è stato bombardato ma fatto esplodere dall’interno e che i morti sono stati quattordici. Le teorie della propaganda russa si muovono a gran velocità, sono contagiose e spesso sono ricche di prove molto confuse ma anche molto numerose. Confusione e quantità sono i pilastri delle teorie di Mosca e in questi otto anni di guerra nel Donbas, tra i separatisti armati dal Cremlino e l’esercito di Kyiv, hanno contribuito a creare le accuse di un genocidio contro i cittadini russofoni dell’est dell’Ucraina che non c’è mai stato. Ma in nome del quale c’è chi ha giustificato l’invasione.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT