martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
17.07.2022 Ucraina, la lunga guerra potrebbe rivoltarsi contro Putin
Analisi di David Carretta

Testata: Il Foglio
Data: 17 luglio 2022
Pagina: 1
Autore: David Carretta
Titolo: «Questa è 'l’economia di guerra' dell’Ue per superare l’inverno»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 17/07/2022, a pag. 1, con il titolo "Questa è 'l’economia di guerra' dell’Ue per superare l’inverno", il commento di David Carretta.

Immagine correlata
David Carretta


Bruxelles. La nuova fase della guerra della Russia contro l’Ucraina viene spesso descritta come una gara di resistenza tra Volodymyr Zelensky e i suoi alleati, da un lato, e il presidente russo, Vladimir Putin, dall’altro. Chi cederà per primo di fronte alle perdite di vite umane, all’esaurimento delle forze militari e degli stock di armi, all’aumento del costo della vita, al taglio delle forniture del gas e alle sanzioni? Il presidente russo sta puntando sulla fatica degli europei, convinto che smetteranno di sostenere l’Ucraina quando si troveranno in inverno al freddo, senza gas e con un’inflazione record. Ma alcuni leader dell’Unione europea si stanno preparando a sfidare Putin con una “strategia primavera 2023”. I rapporti di forza sulle forniture energetiche e gli effetti delle sanzioni “cambieranno il prossimo anno”, spiega al Foglio un diplomatico dell’Ue. L’inverno sarà “un periodo che metterà alla prova gli europei”, dice il diplomatico: “La pressione sarà enorme a causa dell’aumento del costo della vita”. Ma “dobbiamo reggere fino alla primavera 2023. Se passiamo l’inverno avremo una situazione molto diversa”. Per l’Europa, l’Ucraina e la Russia. Un elemento chiave della “strategia primavera 2023” è il passaggio nei prossimi mesi a un’economia di guerra da parte di tutta l’Ue. A giugno Emmanuel Macron è stato il primo a evocare una “economia di guerra”. Il presidente francese si riferiva alla necessità di mobilitare l’industria della difesa per produrre più armi per l’Ucraina, ma anche per gli stessi paesi europei, i cui stock sono esauriti. L’Ue non era pronta a fornire un sostegno militare massiccio a Kyiv per una guerra lunga. Allo stesso modo l’Ue non è pronta a un taglio totale di forniture di gas dalla Russia quest’inverno. Il concetto di “economia di guerra” la prossima settimana prenderà forma con due proposte della Commissione. La prima è una “facility” da 500 milioni di euro per produrre più materiale militare e ricostituire gli stock di armi, anche con acquisti congiunti. La seconda è un piano d’emergenza per l’interruzione totale del gas russo. In entrambi i casi i governi diranno all’industria (quella degli armamenti, quella energetica e più in generale) cosa deve fare per la guerra: produrre più armi, allocare il gas disponibile ad alcuni paesi o settori, chiudere gli impianti se necessario. I cittadini saranno chiamati a fare la loro parte: alzare l’aria condizionata a 25 gradi questa estate, abbassare il riscaldamento a 19 gradi in inverno e accettare il sacrificio di prezzi più alti. Il rischio che il sostegno dell’opinione pubblica all’Ucraina venga meno è la grande incognita della “strategia primavera 2023”. Dopo l’inverno cambierà quasi tutto per l’Ue sul gas e sull’inflazione. Il processo per uscire dalla dipendenza dalla Russia va avanti. Lunedì Ursula von der Leyen firmerà un memorandum con l’Azerbaigian. Stati Uniti, Canada e Norvegia stanno aumentando la produzione per l’Ue. I prezzi dell’energia dovrebbero stabilizzarsi e l’inflazione raffreddarsi. Il prossimo anno cambierà per l’Ucraina perché l’Ue sarà in grado di fornire più carri armati, obici e proiettili. Infine, il 2023 porterà “un impatto enorme” sull’economia russa, spiega al Foglio un diplomatico. I periodi transitori delle sanzioni che permettevano di esportare software, componentistica, macchinari, pezzi di ricambio sono appena finiti. Buona parte dell’industria russa, compresa quella bellica, potrebbe essere costretta a fermarsi nei prossimi mesi. L’embargo dell’Ue sul petrolio entrerà in vigore alla fine dell’anno. Se gli europei non si stancheranno questo inverno, la lunga guerra potrebbe rivoltarsi contro Putin.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT