venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
15.07.2022 Quanto può resistere la Russia in guerra se non ha soldati
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 15 luglio 2022
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Quanto può resistere la Russia in guerra se non ha soldati»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 15/07/2022, a pag. 1, con il titolo "Quanto può resistere la Russia in guerra se non ha soldati", il commento di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Putin ha già perso”: parla Yuval Noah Harari - Mosaico

Roma. La strategia della Russia non è cambiata in questi mesi: nel Donbas prosegue martellante e lenta l’avanzata che ora si concentra nell’oblast di Donetsk, mentre nel resto del territorio ucraino si susseguono attacchi contro i civili. Ieri è stato colpito un centro abitato nella città di Vinnytsia, nessun deposito di armi, nessuna postazione dell’esercito, solo cittadini. Tra gli ambienti che cercano di favorire dei colloqui tra russi e ucraini la domanda che più si sente fare è: fino a dove vuole arrivare Vladimir Putin? Il presidente russo non l’ha ancora detto, può continuare a colpire edifici residenziali ancora per molto, ma la guerra sul campo, quella che sta combattendo nel Donbas, è più costosa, ha bisogno di continui rifornimenti di armi e di uomini. Può permetterselo? La scorsa settimana ha annunciato una pausa operativa per consentire ai soldati di riprendere le forze e lo ha fatto in un momento in cui ha bisogno di mostrare che ai suoi uomini tiene e vuole che si riposino. Gli ucraini hanno detto che non c’è stata alcuna pausa operativa: il messaggio di Putin era propaganda interna. Dall’inizio della guerra Mosca ha dimostrato di avere difficoltà ad arruolare, ha mandato a combattere soldati di leva, ha subìto molte perdite, ha cercato metodi per aumentare le schiere del suo esercito, brutale e recalcitrante. Per ora il Cremlino esclude la mobilitazione generale, che imporrebbe alla nazione di passare dallo stato di pace allo stato di guerra e agli uomini di non lasciare il paese. La Russia però non è in guerra, è impegnata in un’operazione speciale, bisognerebbe quindi ammettere davanti ai cittadini che Mosca è impegnata in un conflitto armato contro l’Ucraina. Il ministero della Difesa, per evitare la mobilitazione generale ne ha iniziata una fantasma. Con annunci per le strade, come a San Pietroburgo, dove è apparso un omino gonfiato a forma di generale che incita i ragazzi ad andare ad arruolarsi e scoprirne tutti i vantaggi. Anche in tv vengono trasmessi spot che vantano i pregi della vita militare e invitano a chiamare per saperne di più. Nelle città vengono distribuiti volantini, nella metro appesi cartelloni. Anche se queste pubblicità facessero presa sulla popolazione, i soldati non potrebbero essere impiegati subito, devono essere prima addestrati. Chi invece viene arruolato nelle truppe mercenarie – ce ne sono molte oltre alla Wagner – può essere mandato subito in Ucraina e per questo il ministero della Difesa ha usato questa rete secondaria per attrarre nuovi combattenti, scontrandosi anche con Evgeny Prigozhin, finanziatore della Wagner. Il sito di notizie russe Meduza ha ottenuto informazioni sul ruolo di Prigozhin all’inizio dell’invasione, dalla quale sarebbe stato escluso, salvo poi essere tornato nelle grazie del presidente dopo aver dimostrato, nella battaglia di Popasna, che i suoi uomini erano non soltanto superiori agli altri gruppi mercenari ma anche all’esercito: tra il ministro della Difesa Sergei Shoigu e Prigozhin i rapporti non sono buoni. Mosca ha iniziato a chiedere anche ai più anziani di unirsi all’operazione speciale: ci si può arruolare fino ai 65 anni grazie a una nuova legge delle Duma. Il capo di un ufficio militare della regione di Tver, Yuri Negovora, in un video invita i russi ad arruolarsi, basta essere in buona salute, dice, ma lui si ferma per riprendere il respiro ogni due parole, è anziano, non riesce a parlare e sembra uno spot disperato. La parte più anziana della popolazione è quella più disposta a sostenere Putin, è composta dai suoi elettori che ascoltano la propaganda e quindi potrebbero essere più sensibili ai richiami del patriottismo. La guerra sta cambiando anche la conformazione demografica della Russia, sono soprattutto giovani ad aver lasciato il paese. Mosca è in crisi demografica, è un paese anziano e questo contribuisce a rendere fragile la sua economia. Prima di invadere l’Ucraina, Putin aveva detto che il problema che lo teneva sveglio la notte era il declino demografico della sua popolazione.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT