martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
13.07.2022 In Ucraina muoiono altri generali russi e l’esercito si domanda: quando si accontenterà Putin?
Analisi di Anna Zafesova

Testata: Il Foglio
Data: 13 luglio 2022
Pagina: 1
Autore: Anna Zafesova
Titolo: «In Ucraina muoiono altri generali russi e l’esercito si domanda: quando si accontenterà Putin?»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 13/07/2022, a pag. 1, con il titolo "In Ucraina muoiono altri generali russi e l’esercito si domanda: quando si accontenterà Putin?", l'analisi di Anna Zafesova.

Immagine correlata
Anna Zafesova

https://static.dw.com/image/51206061_403.jpg

Milano. Tutti i gerarchi del regime russo ripetono convinti dietro a Vladimir Putin che la “operazione militare speciale” in Ucraina sta andando come previsto e “tutti gli obiettivi posti verranno raggiunti”. Il problema è capire cosa considerare una vittoria, visto che lo stesso presidente russo riesce, nello stesso discorso, a parlare di “liberazione del Donbas”, “fine del mondo multipolare a dominio americano” e “aggressione dell’occidente collettivo”, senza dimenticare le teorie sui “territori storici russi” in Ucraina. Nell’incertezza sulla fine della guerra, perfino nei talk-show della propaganda comincia a trapelare rabbia e sconcerto per gli attacchi ucraini ai depositi di armi russi. I missili Himars americani hanno riaperto anche il conto dei generali russi liquidati, e il politologo dissidente Abbas Gallyamov dice a Novaja Gazeta che l’esercito è in ebollizione: “Ai militari era stata promessa una facile vittoria e invece sono stati buttati in un tritacarne micidiale”.

https://www.ft.com/__origami/service/image/v2/images/raw/https://d1e00ek4ebabms.cloudfront.net/production/0ebd51c5-0305-4d83-8744-629c6d53f1d2.jpg?source=next&fit=scale-down&quality=highest&width=1067

Il canale Telegram General Svr, che si specializza in gustosi pettegolezzi dal Cremlino, sostiene che il ministero della Difesa sarebbe pronto a un altro “gesto di buona volontà”: ritirarsi da Kherson e Zaporizhzhia e accontentarsi di concludere l’invasione del Donbas. Un piano che ridimensionerebbe le ambizioni di Mosca da un progetto neoimperiale a una guerra locale. Non è chiaro quanto al Cremlino si siano già rassegnati, visto che in previsione della seduta straordinaria della Duma indetta a sorpresa per il 15 luglio si è ricominciato a parlare di un’imminente mobilitazione generale. Il sito Meduza però cita un sondaggio segreto in cui il 30 per cento dei russi ha risposto ai sociologi del regime di volere la fine immediata della guerra. E sui canali Telegram gira la foto del “muro della vergogna” della 205esima brigata di fanteria motorizzata cosacca, con decine di foto e centinaia di nomi di militari che si sono rifiutati di andare a combattere. Una chiamata alle armi sarebbe catastrofica per il Cremlino, che rimedia reclutando giovani, disoccupati e perfino detenuti, mentre i governatori hanno avuto l’ordine di formare battaglioni di volontari. Secondo General Svr, due dei più fedeli alleati putiniani – il banchiere Yuri Kovalchuk e il segretario del Consiglio di sicurezza ed ex capo dell’Fsb Nikolai Patrushev – continuerebbero però a spingere il presidente verso una guerra a oltranza per ricostruire l’impero russo. Uno scontro che, secondo Gallyamov, riaccende il vecchio conflitto tra militari e servizi segreti, intenti a scaricarsi a vicenda le responsabilità del fallimento. Meduza nota come Putin diffidi dei militari, e li tenga a distanza: non si conosce nemmeno il nome del comandante delle truppe in Ucraina, e il Cremlino sta molto attento a non dare spazio mediatico ai generali, per “evitare che uno di loro diventi particolarmente popolare”, dice una fonte vicina alla presidenza. Il ministro della Difesa Sergei Shoigu e il capo dello stato maggiore Valery Gerasimov sono quasi spariti dai teleschermi, e gli alti gradi dell’esercito appaiono solo per ricevere medaglie da Putin. Ma se il presidente vuole essere l’unico padre di una vittoria, rischia però anche di diventare l’unico responsabile di una sconfitta.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT