martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
12.07.2022 Occhio a fidarsi degli ayatollah
Il ministro degli esteri iraniano a Roma

Testata: Il Foglio
Data: 12 luglio 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Occhio a fidarsi degli ayatollah»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 12/07/2022, a pag. 3, l'editoriale "Occhio a fidarsi degli ayatollah".

Amir Abdollahian briefs parliamentary committee on Vienna talks - Tehran  Times
Hossein Amir-Abdollahian

Lo stato canaglia scaccia quello ancora più canaglia? L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha messo in moto sviluppi imprevedibili. Ha ridisegnato alleanze e percezioni reciproche; ha rinsaldato alcuni rapporti e ne ha disfatto altri; e ha spinto paesi che prima erano divisi a tornare ad annusarsi. Va letto anche in quest’ottica il viaggio di Hossein Amir-Abdollahian, ministro degli Esteri dell’Iran, ieri a Roma per incontrare i suoi omologhi italiano e vaticano, cioè il ministro Luigi Di Maio e il cardinale segretario di stato Piero Parolin. Formalmente il confronto ha riguardato alcune questioni generali, relative a possibili forme di cooperazione politica, economica e commerciale. Ma in realtà è probabile che si sia parlato anche di altro: l’accordo sul nucleare iraniano (che è una partita essenzialmente americana) e soprattutto le sanzioni secondarie a esso collegate. Di fatto l’Iran è completamente tagliato fuori dai mercati globali. Una condizione di isolamento che, naturalmente, danneggia il regime degli ayatollah ma che in questo momento pesa sul mondo intero.

Iran nuclear talks took a turn this weekend - what does it mean? - The  Jerusalem Post

La produzione di greggio, che nel 2016 si aggirava attorno ai 3 milioni di barili al giorno, era salita fino all’incirca quattro durante il breve periodo di vigenza dell’accordo, salvo poi dimezzarsi dopo che gli Usa se ne sono chiamati fuori per volere di Donald Trump (scelta confermata da Joe Biden). E’ come se due milioni di barili al giorno, destinati all’export, si fossero improvvisamente dissolti. L’Iran è uno dei paesi al mondo più ricchi di petrolio e gas: una ricchezza che oggi potrebbe contribuire ad alleviare gli impatti della crisi con la Russia. Ma la politica ha i suoi riti e i suoi simboli e non può ridursi alla mera utilità di breve termine. Con Di Maio, dunque, Amir-Abdollahian ha parlato di possibili “complementarietà” industriali. Ma è probabile che Teheran chieda presto a Roma di mettere una buona parola con la Casa Bianca, nella speranza di trovare un modo per coniugare necessità e virtù. Occhio.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare: 06/ 5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT