martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
11.07.2022 La Russia è una minaccia per i Paesi che vogliono democrazia e diritti
Analisi di Veronica Cibotaru, da Le Point

Testata: Il Foglio
Data: 11 luglio 2022
Pagina: 2
Autore: Veronica Cibotaru
Titolo: «La Russia è una minaccia per i Paesi che vogliono democrazia e diritti»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 11/7/2022, a pag.II, con il titolo " La Russia è una minaccia per i Paesi che vogliono democrazia e diritti" l'analisi di Veronica Cibotaru, da Le Point

Veronica Cibotaru | Sorbonne University - Academia.edu
Veronica Cibotaru

Ucraina, Putin come Hitler? L'inquietante parallelismo con il Fuhrer: da  Brest a Brest, il dettaglio storico che riporta alla II guerra mondiale

Veronica Cibotaru, ricercatrice in filosofia ed esperta di filosofia della religione di origini moldave, cresciuta in Belgio, si esprime sulla candidatura della Moldavia all’ingresso nell’Unione europea. Cibotaru descrive il conflitto tra pro europei e pro russi che ha caratterizzato la storia di questa ex repubblica sovietica, incastonata tra l’Ucraina e la Romania. Le Point – Come ha reagito alla notizia della candidatura della Moldavia all’ingresso nell’Unione europea? Veronica Cibotaru – E’ una notizia che mi ha reso naturalmente felice. Mi sono detta che finalmente gli sforzi di numerosi moldavi per avvicinare il Paese all’Unione europea, che è per loro simbolo di democrazia e giustizia, hanno prodotto i loro frutti. Certo, la Moldavia non è ancora stata accettata come stato membro dell’Unione europea, ma è già un inizio, ed è molto importante. La storia moldava non è molto conosciuta in Francia. Quali sono i momenti storici chiave di questa ex repubblica sovietica? Negli ultimi trent’anni, la vita politica moldava è stata caratterizzata da forti opposizioni tra le forze pro europee e le forze pro russe. Il primo decennio degli anni duemila è stato contraddistinto dalla presenza del Partito comunista guidato da un presidente particolarmente pro russo, Vladimir Voronin. Il suo obiettivo era quello di creare una nazione moldava lontano dall’Europa. Nell’aprile del 2009, ho partecipato a Parigi alle manifestazioni contro le frodi elettorali del Partito comunista pro russo. Molti giovani avevano manifestato nella capitale, Chisinau, e molti sono stati arrestati e persino torturati. Dopo quei fatti, nel settembre del 2009, è salito al potere un presidente ad interim pro europeo, ma i governi pro europei che si sono susseguiti hanno deluso il popolo moldavo a causa della loro corruzione. Nel 2016, un partito pro russo, il Partito dei socialisti della repubblica di Moldavia, è tornato al potere. Il presidente, Igor Dodon, ha voluto giocare le sue carte, mantenendo una posizione piuttosto ambigua a metà strada tra l’Europa e la Russia, ma era chiaramente più vicino a Mosca che all’Unione europea. Poi, nel dicembre 2020, la presidente pro europea Maia Sandu ha vinto le elezioni presidenziali. Sandu ha capito il sentimento di stanchezza dei cittadini, si è presentata come la candidata della lotta anti corruzione e ha in questo modo acquisito una legittimità agli occhi dell’Unione europea. Come si posiziona l’élite moldava dinanzi al conflitto in Ucraina? L’élite moldava è contro la guerra, perché il paese ha vissuto il problema della Transnistria nel 1991, quando si è autoproclamata indipendente. Questa regione, originariamente ucraina, era stata annessa alla Moldavia dai sovietici, seguendo il motto latino divide et impera. Quando la Moldavia è diventata autonoma dopo la fine dell’Urss, la Transnistria si è autoproclamata indipendente. L’esercito russo sul campo ha sostenuto il movimento indipendentista della Transnistria, partecipando al conflitto militare contro l’esercito moldavo. La guerra ha provocato dei morti ed è rimasta nella memoria collettiva. Come è accaduto in altre regioni, ad esempio l’Ucraina e la Georgia, la Russia si è posta come difensore della minoranza russofona e russofila attraverso l’esercito. Dal 1991, alcune migliaia di soldati russi stazionano in Transnistria, il che significa che i moldavi hanno sempre vissuto sotto la minaccia russa. A questo proposito, lo scrittore moldavo Iulian Ciocan ha scritto un’opera in cui immagina una distopia, nella forma di un’invasione dei russi. Per questa ragione, i moldavi hanno immediatamente reagito con una forma di solidarietà verso il popolo ucraino. Come viene considerato oggi in Moldavia il retaggio comunista? Molti moldavi vivono nella diaspora e oggi, grazie al loro passaporto rumeno, possono viaggiare in Europa. Fra queste persone c’è un forte sentimento anti comunista. Oggi, per molti giovani moldavi, l’epoca comunista non ha più senso, non conoscono la nostalgia del comunismo. I miei genitori hanno vissuto buona parte della loro vita in Urss, ma sono anti comunisti. Tra le persone che hanno conosciuto il comunismo, si percepisce una sorta di fobia per i partiti di sinistra, al punto che alcuni militanti politici moldavi sono arrivati a dare il loro sostegno a Trump come unica barriera alla sinistra. Quando ero in Russia, ho sentito una forma di nostalgia dell’Urss, ci sono simboli sovietici nelle strade, c’è una catena di ristoranti dove si possono mangiare piatti e ascoltare musica che andavano di moda all’epoca dell’Urss. In Moldavia è diverso: c’è una forma di traumatismo rispetto al comunismo. C’è un divario che Putin non capisce: le ex repubbliche sovietiche non condividono la stessa nostalgia del comunismo che si può ritrovare in Russia. Putin non ha capito che questi paesi non aspirano a unirsi alla Russia, che rappresenta ancora lo spettro del comunismo, ma aspirano alla democrazia, all’uguaglianza dei diritti, che la Russia di oggi, agli occhi di queste repubbliche, non garantisce.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT