martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
09.07.2022 G20 a Bali: Lavrov rifiutato da tutti scappa
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 09 luglio 2022
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Lavrov non regge il peso dell’isolamento e lascia il G20 in anticipo»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 09/07/2022, a pag. 1, con il titolo "Lavrov non regge il peso dell’isolamento e lascia il G20 in anticipo", il commento di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

La Russia sbatte la mossa che ha costretto Sergei Lavrov a cancellare il  viaggio in Serbia - Tebigeek
Sergei Lavrov

Roma. Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha lasciato in anticipo il vertice del G20 a Bali. Si è alzato durante la sessione mattutina, mentre aveva la parola la sua omologa tedesca, Annalena Baerbock, che criticava l’invasione di Mosca contro l’Ucraina. Poi non si è presentato a quella pomeridiana e ha abbandonato il summit. Davanti ai giornalisti ha detto che ha sentito rivolgere appellativi di qualsiasi genere ai russi “occupanti, aggressori, invasori” e ha accusato i colleghi occidentali di aver usato queste critiche per coprire la loro scarsa volontà ad affrontare argomenti come il multilateralismo o la sicurezza alimentare. Il multilateralismo è la grande ossessione di Russia e Cina che muovono agli Stati Uniti l’accusa di aver costruito un mondo unipolare a guida americana e di voler punire chiunque – Mosca e Pechino in particolare – si discosti dalla loro visione del mondo. La crisi alimentare, invece, per Lavrov è qualcosa che va ben oltre la guerra in Ucraina, quella si potrebbe risolvere “costringendo Kyiv a liberare i porti del Mar Nero”, Mosca non ha responsabilità. Poi ha aggiunto che le sanzioni occidentali contro la Russia equivalgono a una dichiarazione di guerra. I leader atlantisti del G20 hanno fatto sentire a Lavrov il peso dell’isolamento e, per la prima volta, in un grande consesso internazionale, la Russia è stata trattata come uno stato da emarginare. I leader occidentali non hanno voluto fare la foto di famiglia, lo scatto di rito che si fa ai vertici internazionali, non volevano essere immortalati vicino a Lavrov. Il grande scontro che l’Indonesia, paese ospitante, voleva evitare è stato invece inevitabile, nonostante i paesi che Mosca definisce ormai “ostili alla Russia” siano una minoranza nel G20. Lavrov è un diplomatico di carriera, considerato abile anche dai colleghi occidentali fino a qualche anno fa. Ora è un megafono del putinismo e si barcamena per difendere e presentare la versione russa dei fatti, per raccontare le bugie del Cremlino, per difendere la propaganda di Mosca. A Bali non ha cambiato registro, ha detto che i colleghi occidentali non “avevano utilizzato il G20 per gli scopi per i quali è stato creato questo format” e parlavano di guerra per distrarsi e distrarre. Lui, ha detto, era molto interessato ad ascoltare per “capire come respira l’occidente”, ma, evidentemente, “non c’era nulla di cui parlare”. La propaganda di Mosca funziona con argomenti semplici: la colpa è sempre degli altri, la Russia è la vittima. Lavrov si è fatto risucchiare da questo sistema con il risultato che non si intravvede più la differenza tra lui e la portavoce del suo ministero, Maria Zakharova, che si riprende mentre addenta fragole con fare ammiccante per dire che se nel mondo c’è la carestia, il suo giardino è rigogliosissimo. O tra Lavrov e Ramzan Kadyrov, che gira spot con un attore che interpreta l’ucraino Volodymyr Zelensky con il naso sporco di polvere bianca che chiede perdono al dittatore ceceno e grida “Slava Rossii”, gloria alla Russia. Al vertice del G20 il propagandista Lavrov è stato trattato come un reietto da una parte della comunità internazionale. Ha avuto un bilaterale con il collega cinese Wang Yi, dell’incontro c’è una foto in cui le due facce amiche allargano le braccia e si sorridono, ma c’è una differenza: con la Cina hanno voluto parlare tutti, anche il segretario di stato americano Antony Blinken. Con la Russia davvero in pochi.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT