martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
08.07.2022 Avercene di Boris Johnson
Commento di Claudio Cerasa

Testata: Il Foglio
Data: 08 luglio 2022
Pagina: 1
Autore: Claudio Cerasa
Titolo: «Avercene di Boris Johnson»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 08/07/2022, a pag. 1, con il titolo 'Avercene di Boris Johnson' il commento del direttore Claudio Cerasa.

ClaudioCerasa
Claudio Cerasa

È finita l'era di Boris Johnson. L'ennesima crisi di governo fa pensare di  sì
Boris Johnson

Ora che ha miseramente fallito, ora che ha inevitabilmente scelto di fare un passo indietro, ora che il gregge del suo partito, come ieri lo ha chiamato lui, ha finalmente ottenuto il suo scalpo, tutti saranno lì a infierire sul suo essere stato un primo ministro simile a un clown, sul suo essere stato un politico inaffidabile, sul suo essere stato un leader bugiardo. E in effetti, se si mettono insieme i puntini, se si ragiona sulla sua disastrosa gestione della Brexit, se si ragiona sul suo approccio disumano sull’immigrazione, se si ragiona sulle menzogne raccontate sui festini a Downing Street durante il lockdown, se si ragiona sullo stato in cui si trova oggi l’economia inglese, con l’inflazione più alta del G7 e con la più bassa previsione di crescita per il prossimo anno fra tutti i paesi del G7, si può capire bene perché ieri giornali come l’Economist abbiano festeggiato per il suo addio al potere. Nella storia politica di Boris Johnson, almeno nella sua storia recente, c’è però qualcosa che merita di essere isolato, forse persino salvato, ed è qualcosa che non può essere trattato come un elemento marginale nella storia di BoJo. Un clown, d’accordo, ma Boris Johnson è stato anche altro e non ci vuole molto a capire perché la sua parabola discendente non abbia nulla a che fare con quella dei Donald Trump, delle Marine Le Pen o dei Matteo Salvini. E’ stato un pagliaccio in molte circostanze, in circostanze importanti, ma non lo è stato in almeno tre circostanze che non si possono dimenticare e che ci portano facilmente a dire che se la destra europea, la nuova destra europea, quella che avanza, quella più attratta dal sovranismo che dal merkelismo, avesse qualcosa di Boris Johnson sarebbe una destra meno estremista. Trovate voi qualcuno, tra le nuove destre europee, e non solo tra quelle, che durante la pandemia abbia difeso e promosso i vaccini con la stessa forza con cui lo ha fatto Boris Johnson, che i vaccini oltre ad aver fatto di tutto per produrli in Inghilterra ha fatto di tutto per promuoverli tra tutte le fasce d’età del suo paese. Trovate voi qualcuno, tra le nuove destre europee, e quando parliamo di nuove destre europee parliamo ovviamente anche di quelle italiane, da Giorgia Meloni a Matteo Salvini, che durante la pandemia abbia sfidato a più riprese il corpaccione del suo partito imponendo in diverse occasioni restrizioni alla libertà, come i lockdown e come i green pass, senza spacciarle come prove indelebili di un inevitabile passaggio dalla democrazia parlamentare alla dittatura sanitaria. Trovate poi qualcuno, tra le destre europee, non solo quelle estremiste ma anche quelle moderate, che abbia difeso in modo così forte i valori non negoziabili dell’occidente, di fronte all’aggressione della Russia in Ucraina, arrivando a essere oggi, il Regno Unito, il secondo paese al mondo per sostegno alla sicurezza in Ucraina (2,53 miliardi di dollari). Provate voi a essere un leader di destra fieramente antirusso. Provate voi a essere un leader di destra fieramente pro vax. E provate voi a essere un leader di destra fieramente a favore della globalizzazione. Perché sì, è vero, Boris Johnson ha fatto campagna per la Brexit, anche se il giorno prima del risultato della Brexit aveva preparato due articoli, uno a favore e uno contro. Perché sì, è vero, Boris Johnson, ancora prima della Brexit, ha fatto di tutto per alimentare l’euroscetticismo del suo paese. Ma allo stesso tempo, da brexiteer, Johnson ha tentato sempre di dare al Regno Unito una dimensione globale, non protezionista, trasformando il rapporto dell’Inghilterra con i vecchi paesi del Commonwealth in un terreno fertile per costruire accordi di libero scambio. Verrà descritto, oggi, come un pagliaccio, come un clown, come un bugiardo, ma se si osserva ciò che offre la destra in giro per l’Europa, e non solo in Europa, e se si paragona BoJo con tutto ciò che ha prodotto il trumpismo, non si fa fatica a dire, nonostante tutto, che i veri pagliacci della destra, in Europa, sono altri. Avercene di Boris Johnson.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT