domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
23.06.2022 In Scandinavia non ci sono più Istituti Confucio. In Italia invece aumentano
Commento di Giulia Pompili

Testata: Il Foglio
Data: 23 giugno 2022
Pagina: 2
Autore: Giulia Pompili
Titolo: «In Scandinavia non ci sono più Istituti Confucio. In Italia invece aumentano»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 23/06/2022, a pag.2, con il titolo "In Scandinavia non ci sono più Istituti Confucio. In Italia invece aumentano" l'analisi di Giulia Pompili.

Immagine correlata
Giulia Pompili

Istituto Confucio dell'Università di Torino - SHARPER Night

Roma. L’ultimo Istituto Confucio esistente nella penisola scandinava chiuderà a gennaio 2023. L’Università di Helsinki, in Finlandia, che ospitava sin dal 2007 un Istituto Confucio in collaborazione con la Renmin University cinese, la scorsa settimana ha pubblicato un avviso sul suo sito internet: il corso non verrà rinnovato. Dal prossimo anno accademico, chiunque volesse studiare mandarino all’Università di Helsinki lo potrà fare, ma con insegnanti formati e selezionati dallo stesso ateneo.

La vicerettrice dell’università, Hanna Snellman, ha detto alla tv statale finlandese Yle: “Vogliamo scegliere i nostri insegnanti e fargli noi stessi dei contratti. Vogliamo anche che l’insegnamento della lingua cinese sia basato sulla ricerca”. E poi: “Dobbiamo rafforzare le competenze in lingua cinese poiché c’è un bisogno più grande che mai”. Secondo quanto riportato da Euractiv, una delle motivazioni dietro la chiusura c’è proprio il metodo d’insegnamento che scivola spesso nella censura e nella propaganda. I docenti dei Confucio, finanziati dal governo cinese, insegnano direttamente dentro alle università e non, come funziona per altri istituti di cultura come il British Council o il Goethe Institut, in corsi privati e indipendenti. Negli ultimi anni, i Confucio sono stati accusati di aver portato avanti il soft power cinese rendendo interi dipartimenti accademici tecnicamente dipendenti dai finanziamenti di Pechino. E questo limita, ovviamente, la libertà accademica, soprattutto su quel che riguarda il dibattito sull’attualità e sui temi sensibili per Pechino. All’interno delle università dell’Ue ne sono stati chiusi decine – nel 2020 hanno chiuso quelli delle università in Svezia e Danimarca, nel 2021 in Norvegia – e in America ne sono rimasti soltanto 18. Ma il problema non è solo la censura accademica e la propaganda. Nella capitale della Finlandia l’Istituto Confucio della più importante università di Helsinki era sotto osservazione già da almeno tre anni. Nel 2019 le autorità del Belgio hanno vietato l’ingresso nell’Area Schengen per otto anni al professore cinese Song Xinning, che all’epoca era l’ex direttore dell’Istituto Confucio alla Vrije Universiteit Brussel e negli anni precedenti aveva lavorato in quello dell’Università di Helsinki. L’accusa era: spionaggio e supporto all’intelligence cinese. Qualche mese dopo, la Vrije Universiteit aveva annunciato la chiusura definitiva del suo rapporto con l’Istituto Confucio. L’anno successivo, il tribunale belga che si occupa di diritto degli stranieri, a cui si era appellato Song, aveva annullato il provvedimento dichiarando inconsistenti le accuse di spionaggio delle autorità. Fu un caso molto discusso, perché certe attività d’informazione non solo sono difficili da dimostrare, ma spesso sono del tutto legali, soprattutto se non si tratta di informazioni sensibili. E’ per questo che le attività degli Istituti Confucio dentro agli atenei sono ancora più complicate da controllare, e le università ormai preferiscono mantenere collaborazioni con le università cinesi a un livello più formale. L’Italia è uno dei pochissimi paesi in cui gli Istituti Confucio, invece di chiudere, aumentano, almeno nelle loro forme più soft come le Aule Confucio, arrivate perfino nelle scuole medie e superiori. Eppure il dibattito sull’influenza cinese nell’istruzione e l’accademia italiana è fermo. A fine marzo Chen Zhen, docente a contratto del Politecnico di Milano, ha fatto una lezione non richiesta a uno studente di Taiwan spiegandogli che non avrebbe dovuto definirsi “di Taiwan”, ma cinese. All’inizio della settimana il Collegio di disciplina del Politecnico ha fatto sapere che il docente è stato “sanzionato”. Quell’episodio era finito online, ed era diventato un caso mediatico. Nell’accademia italiana ce ne sono molti altri (lezioni saltate, dibattiti fermati, parole cancellate) di cui nessuno ha voglia di parlare.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT