venerdi 01 luglio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
17.06.2022 La troika di guerra ricorda che il ruolo dell’occidente non è alle spalle di Zelensky ma è al suo fianco
Analisi di Giuliano Ferrara

Testata: Il Foglio
Data: 17 giugno 2022
Pagina: 1
Autore: Giuliano Ferrara
Titolo: «La troika di guerra ricorda che il ruolo dell’occidente non è alle spalle di Zelensky ma è al suo fianco»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi 17/06/2022, a pag.1 con il titolo "La troika di guerra ricorda che il ruolo dell’occidente non è alle spalle di Zelensky ma è al suo fianco" l'analisi di Giuliano Ferrara.

Chi è Giuliano Ferrara, malattia, figli, moglie, dove vive: perchè è  dimagrito - Il Giornale d'Italia
Giuliano Ferrara

Putin, la minaccia della terza guerra mondiale, l'Europa e la Nato -  Formiche.net
Vladimir Putin

Rane, wurst e spaghetti, accidenti come si è divisa l’Europa. E quant’è largo il fossato oceanico dell’Atlantico. Dopo Biden in Polonia, Johnson a Kiyv, ecco la fotografia dell’Ottocento redivivo in marcia, la troika di guerra, i tre capi di Francia, Germania e Italia sul treno blindato per la capitale dell’Ucraina a ispezionare il luogo del male e dei cattivi, con il permesso di Francesco e monsignor Spadaro, per esibire al capo di quel popolo compattezza, muscoli, bandiere, aiuti, armi in concomitanza con americani e Nato. La guerra delle stragi, dell’artiglieria pesante, dei carri armati, del gas e del petrolio Putin aveva avuto tempo di prepararla come rivincita sulla maggiore “catastrofe geopolitica del XX secolo”, la liberazione del 1989, come nuovo impulso imperiale testato per anni dalla remissività diplomatica, cioè dalla cura per la pace e la prosperità delle nazioni, dei dirimpettai dell’Eurasia nell’interdipendenza delle fonti energetiche. Non hanno voluto il cambiamento attraverso il commercio, Wandel durch Handel. Non hanno voluto né potuto liberare sé stessi da quel “solido fondo di oppressione”, come scrive Giuliano da Empoli nel suo eccellente romanzo distopico sul “Mago del Cremlino”, che è come una cappa sull’intera società ed esistenza russe.

Why Ukraine membership of the European Union is not easy

Ora cercano di rovesciare la dissoluzione dell’ultimo impero in una reazione di acciaio e morte vestita di patriottismo canaglia, ma gli si è parato contro, come forse si poteva prevedere, posto che si veda il vedibile, l’intero occidente, compresi neutrali, umanitari pacifisti e finlandizzati. Dicono di ridere delle sanzioni perché stanno riuscendo a martirizzare, dopo Mariupol, una parte cospicua del Donbas, e continuano a incassare il dividendo siberiano passando loro dalla parte della minaccia contro Germania e Italia. Contano sulle quinte colonne, più che altro mediatiche, sulla crisi da inflazione, sui rischi di recessione, sul blocco del grano, sulla stanchezza dell’opinione pubblica, da noi libera e da loro incarcerata con metodi da “operazione speciale”. Fanno la guerra distruttiva, cecena, denazificano donne vecchi e bambini, sbandierano vittorie non loro che risalgono al 1945 insultando la storia e la memoria, ma forse il calcolo lo hanno clamorosamente sbagliato. Non si sa se sia vero che Macron, preoccupato di non “umiliare” la Russia, concetto sempre commendevole anche nella più spietata delle guerre convenzionali, abbia però lasciato trapelare che la faccenda non si può chiudere senza il ritorno del Donbas e della Crimea al paese invaso. Si sa per certo che Scholz e Draghi, malgrado la esposizione dei loro paesi alle conseguenze della guerra, che è acuta, si sono mossi con passo sicuro nella direzione giusta, insieme con tutto il resto dell’Unione europea e della Nato. La svolta contro ogni ambiguità nei due paesi che hanno perso la guerra mondiale, e si erano attenuti alla doppia politica dell’euroatlantismo e del piede di casa per decenni, con le note eccezioni storiche, è un segno sinistro dei tempi per l’oligarchia del Cremlino. Si capisce che si affidino al casereccio Medvedev, il segnaposto di Putin che si agita forse perché vuole le grazie del principale, o chissà che cos’altro, e alle stolte risate contro le sanzioni dall’alto del lusso della burocrazia neoimperiale che lascia affondare la classe media e il popolo nel brodo della propaganda, dell’immiserimento progressivo e dell’isolamento economico internazionale, perfino dalla “amica” Cina. L’occidente con quest’ultimo viaggio si guadagna un posto nel futuro negoziato, e finalmente dovrebbe essere evidente a tutti, prima di ogni altra cosa a Mosca, che quel posto non è alle spalle di Zelensky e degli ucraini eroici, ma al loro sostegno e al loro fianco. Per una ragione fin troppo semplice. Sono loro a sostenere, in nome e per conto di tutto l’occidente libero, il peso tragico della resistenza contro i progetti paranoico-espansionisti di un circolo di cortigiani imbellettati da classe dirigente, riuniti intorno a un uomo molto malato di volontà di potenza, un lupo mannaro che ha morso per primo senza che nessuno gli abbia mai abbaiato contro.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT