venerdi 01 luglio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
17.06.2022 Draghi, Macron, Scholz incontrano Zelensky
Analisi di Michele Masneri

Testata: Il Foglio
Data: 17 giugno 2022
Pagina: 1
Autore: Michele Masneri
Titolo: «I rider di Kyiv e poco più in là l’orrore di Irpin, dove Draghi si concede per ben due minuti. Parla di ricostruzione, è la commozione dell' 'atermico'»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 17/06/2022, a pag. 1, con il titolo "I rider di Kyiv e poco più in là l’orrore di Irpin, dove Draghi si concede per ben due minuti. Parla di ricostruzione, è la commozione dell' 'atermico'" il commento di Michele Masneri.

Immagine correlata
Michele Masneri


Volodymyr Zelensky

Kyiv, dal nostro inviato. L’Ucraina che ieri Mario Draghi ha visitato nel già celebre vertice del treno – quello del convoglio blindato che ci ha portato in undici ore dalla base polacca a Kyiv, convoglio molto simbolico, a bordo per la prima volta tre leader europei, lui Macron e Scholz – è un mondo decisamente a due facce: da una parte il paese che rinasce, che torna alla normalità, anche troppo. Se non si sapesse cosa è successo solo qualche mese fa uno potrebbe prendere Kyiv per una capitalina fiorente lettone o estone o anche solo slovena coi suoi Domino’s pizza e gli specialty coffee e Mango e Zara e ben cinque McDonald’s visti dal corteo presidenziale (strade bloccate, sirene, spiegamento di forze mai viste). E monopattini e Glovo che sfrecciano mentre i passanti ci salutano con la mano, senza far troppo caso all’allarme aereo che suona di tanto in tanto come a ricordare che non tutto è proprio del tutto normale mentre il sole illumina le cupole dorate della città che vuole a tutti i costi rinascere.


A fianco a tutto questo fulgore l’altra faccia cupa e sinistra si vede in maniera devastante e brutale quando con Draghi e Macron e Scholz e il presidente romeno Iohannis (qui perché strategicamente fondamentale per consentire i transiti sul suo territorio) arriviamo a Irpin, che sembra già pronta a diventare un memoriale dell’Olocausto ucraino, tra palazzi bombardati e ponti abbattuti e distributori di benzina sventrati; nuovo memoriale europeo, mentre Draghi solo due giorni fa ha visitato quello ebraico, in Israele. E qui a Irpin sindaci e amministratori locali mostrano a lui e agli altri capi di stato e di governo l’orrore vero, gli interni delle case carbonizzate e le cucine coi vetri in frantumi e le parabole satellitari fuse in un fetore diffuso forse di carcasse d’animale che accresce l’idea di essere veramente all’inferno. Una cosa in particolare colpisce il premier, una macchina, scheletro di macchina, teatro di barbara uccisione di una madre con due bambini assassinati dentro. Draghi – non è scontato – si ferma allora nonostante le allucinanti misure di sicurezza (scorte e servizi e polizie e uniformi e mitra spianati di quattro nazionalità più il paese ospitante, che ti fanno schiantare d’ansia), Draghi si ferma dicevamo coi giornalisti (mentre nel volo sull’aereo di stato da Ciampino non si è fatto proprio vivo e sul treno nemmeno, solo buonanotte e buonasera con la sua voce agnellesca passando dopo le due ore di trilaterale ferroviario e bonario con Scholz e Macron nei corridoi mentre noi si è in pigiama). Però adesso il premier si ferma e parla per due minuti coi cronisti, un’eternità. Dice che due sono le cose da fare. Da una parte fermare la guerra. E qui la posizione è chiara, si sa chi è l’aggredito e chi è l’aggressore. Dall’altra ricostruire. E qui si dilunga, sulla ricostruzione, e dev’essere il suo modo di mostrare i sentimenti. Si entusiasma per un dettaglio, spiega che gli ucraini come sempre all’avanguardia hanno una specie di database degli edifici da ricostruire, case uffici palazzi. E’ entusiasta. E’ come se “l’atermico”, come è chiamato non solo per l’assenza del cappotto in guardaroba, si abbandonasse e utilizzasse questa “technicality” per dimostrare la sua commozione in un modo conciliabile col “never explain never complain”. Commozione pragmatica. Ricostruire. Edifici. Lo ha ribadito poi nel pratone del palazzo presidenziale di Kyiv, alla presenza di Zelensky, ma lì aveva già recuperato tutta la sua leggendaria atermia.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT