venerdi 01 luglio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
11.06.2022 Il voto di Netanyahu alla Knesset
Analisi di Claudia Cavaliere

Testata: Il Foglio
Data: 11 giugno 2022
Pagina: 4
Autore: Claudia Cavaliere
Titolo: «Netanyahu vota anche contro le sue leggi per riavere il potere»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi 11/06/2022, a pag.4 con il titolo "Netanyahu vota anche contro le sue leggi per riavere il potere" l'analisi di Claudia Cavaliere.


Benjamin Netanyahu

Milano. Il governo israeliano è ancora in piedi, anche se la coalizione guidata da Naftali Bennett scricchiola parecchio da quando lunedì, di fronte alla Knesset, il Parlamento, non sono stati raggiunti i voti necessari ad approvare in prima lettura la legge per il rinnovo dell’applicazione delle leggi israeliane agli abitanti degli insediamenti in Cisgiordania. Si tratta di circa 500 mila persone che godono dei benefici della cittadinanza israeliana, votano alle elezioni legislative e in caso di controversie applicano le disposizioni civili e penali dello stato anche se non si trovano nel territorio in cui esso esprime la propria sovranità, ma all’interno degli insediamenti. Artefice di questa mossa politica volta a indebolire il governo è stato l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu, che di fatto ha votato contro un provvedimento in cui ha sempre dimostrato di credere e che, se approvato, andrebbe a vantaggio di un’ampia fetta del suo stesso elettorato. “Il motivo principale per cui Netanyahu ha deciso di votare contro il suo stesso popolo, i settlers israeliani, è stata la sua volontà di sciogliere il governo e andare a nuove elezioni”, dice al Foglio il professore israeliano Emanuel Gross, esperto di diritto penale e internazionale ed ex giudice militare. Di nuovo le elezioni? Sì. Ma andiamo con ordine: il disegno di legge riguarda un regolamento di emergenza che fu approvato nel 1967 alla fine della guerra dei Sei giorni, quando Israele ha esteso il proprio territorio in Cisgiordania senza mai formalmente annetterlo, e che da allora è stato rinnovato ogni cinque anni senza alcun intoppo.

“Se il governo non sarà in grado di approvare la legge, lo status degli israeliani che vivono in Giudea e Samaria cambierà e molte leggi israeliane smetteranno di essere applicate nei loro confronti. Ad esempio, un colono che ha commesso un crimine in Giudea e Samaria non sarà processato da un tribunale israeliano, ma piuttosto da un tribunale militare. Oppure i prigionieri palestinesi che scontano la pena in Israele dovranno essere rimandati indietro”, spiega Gross. Di fatto, perciò, se la legge non dovesse essere approvata – c’è tempo fino a fine giugno per raggiungere i 60 voti necessari e almeno altre due sedute parlamentari – significherebbe che il destino degli abitanti degli insediamenti in Cisgiordania e quello dei tre milioni di palestinesi che la abitano sarebbe condiviso sotto la giurisdizione di un governo militare, così come già accade ai secondi. Questa legge è molto controversa perché rappresenta, per i suoi critici, un doppio standard di trattamento tra israeliani e palestinesi ed è motivo di scontro al governo. Eppure, questa volta è accaduto qualcosa di insolito: alcuni membri che, secondo le attese, avrebbero dovuto votato contro il rinnovo del disegno di legge hanno votato a favore, volendo mostrare la forza della coalizione; quelli che avrebbero dovuto sostenerlo hanno espresso voto contrario. L’ex premier Netanyahu rivuole il potere – dopo che l’anno scorso è stato estromesso proprio dai partiti al governo che avevano un solo obiettivo comune: deporlo – e i suoi alleati si sono rifiutati di appoggiare i provvedimenti del governo pur condividendoli. Ma gli equilibri sono molto complessi in questa affollata coalizione di otto partiti ideologicamente diversi gli uni dagli altri – c’è la destra, c’è la sinistra, c’è il centro e c’è per la prima volta un partito arabo palestinese. Intanto, ieri, mentre i giorni della sua coalizione sono incerti, il primo ministro israeliano Naftali Bennett è volato negli Emirati Arabi Uniti – nel suo secondo viaggio pubblico ad Abu Dhabi da quando i due paesi hanno normalizzato le relazioni nel 2020 – in cui ha incontrato il presidente Mohammed bin Zayed al Nahyan, per discutere varie questioni regionali, in chiave anti iraniana, consolidare gli Accordi di Abramo e preparare l’arrivo del presidente americano, Joe Biden.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT