venerdi 01 luglio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
10.06.2022 Combattere la guerra lunghissima
L’appello di Zelensky

Testata: Il Foglio
Data: 10 giugno 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Combattere la guerra lunghissima»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 10/06/2022, a pag. 3, l'editoriale "Combattere la guerra lunghissima".

Ukraine Ready to Discuss Neutrality as Russian Forces Close In on Kiev -  Other Media news - Tasnim News Agency
Zelensky tra i soldati ucraini

Le fonti diplomatiche e militari occidentali ripetono che la guerra sarà lunga, e non è una frase fatta, anzi per capirci meglio: sarà lunghissima. E molto sanguinosa. Ieri il quotidiano britannico Independent ha pubblicato alcuni dati presenti in un documento delle intelligence ucraina e occidentali sui rapporti di forza tra l’esercito ucraino e quello russo. La lotta impari, di cui già parliamo da settimane e che il presidente Zelensky ricorda a ogni suo appello per ricevere armi, diventa ancora più impari: per quel che riguarda l’artiglieria il rapporto è 20 a 1 (20 sono i russi), per quel che riguarda le munizioni il rapporto sale a uno sconcertante 40 a 1. Gli ucraini stanno subendo moltissime perdite e stanno avendo molta difficoltà a rispondere agli attacchi russi con la loro artiglieria che ha un raggio d’azione di 25 chilometri, mentre quella russa copre fino a dodici volte questa distanza. Il morale è molto basso tra i soldati ucraini, dice il documento, e i casi di diserzione crescono ogni giorno. I prigionieri nelle mani dei russi sono 5.600 contro i 550 in mano agli ucraini (erano 900 ma ci sono stati degli scambi) e ieri tre di loro sono stati condannati alla fucilazione, mentre mille combattenti catturati a Mariupol sono stati trasferiti a Mosca “per gli interrogatori”. Questo documento fornisce un’immagine della guerra molto deprimente per gli ucraini e ciò dovrebbe dare un impulso agli occidentali per evitare che questo rafforzamento russo si consolidi ulteriormente. Le armi a lungo raggio stanno arrivando agli ucraini ma ci vuole del tempo tecnico per metterle in funzione, mentre la macelleria russa continua. Parlare di vie d’uscita per Putin, di concessioni territoriali per porre fine alla guerra è sbagliato fino a che non c’è una vittoria sul campo degli ucraini, e diventa ancora più controproducente ora che il morale tra le forze di Kyiv è così basso. La guerra lunghissima ha bisogno della pazienza e della perseveranza degli alleati per essere vinta.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT