venerdi 01 luglio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
09.06.2022 Il no all’ingresso dell’Ucraina nell’Ue è 'un impulso a Putin'
Analisi di David Carretta

Testata: Il Foglio
Data: 09 giugno 2022
Pagina: 4
Autore: David Carretta
Titolo: «Il no all’ingresso dell’Ucraina nell’Ue è 'un impulso a Putin'»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 09/06/2022, a pag. 4, con il titolo "Il no all’ingresso dell’Ucraina nell’Ue è 'un impulso a Putin' ", il commento di David Carretta.

Immagine correlata
David Carretta

L'offensiva ucraina a Davos: «Adesso dateci armi più potenti»- Corriere.it

Strasburgo. Se il 24 giugno non concederanno lo status di paese candidato all’Ucraina, i capi di stato e di governo dell’Unione europea daranno un “impulso a Vladimir Putin” per continuare la sua guerra e andare fino in fondo nella conquista del paese vicino “nella massima impunità”, ha avvertito ieri Ruslan Stefanchuk davanti al Parlamento europeo. Il presidente della Verkhovna Rada (il Parlamento ucraino) ha messo i ventisette di fronte a una scelta binaria nella battaglia che si sta per aprire sul futuro europeo dell’Ucraina. La prossima settimana la Commissione di Ursula von der Leyen presenterà la sua opinione sulla richiesta di adesione presentata da Volodymyr Zelensky pochi giorni dopo l’inizio della guerra. I leader dei 27 avranno poco più di una settimana prima del loro Consiglio europeo per decidere se concedere lo status di candidato. I negoziati rischiano di essere ancor più complessi di quelli per adottare l’embargo sul petrolio russo. I paesi dell’est e del nord sono a favore e fanno campagna da tre mesi. “Offrire all’Ucraina lo status di paese candidato può essere un gesto simbolico importante, un messaggio di sostegno nel mezzo della guerra”, ha detto Mario Draghi all’ultimo Consiglio europeo del 30 e 31 maggio. Ma lo stesso Draghi ha rivelato che Francia e Germania sono contrarie. “Lo status di candidato trova l’obiezione di quasi tutti i grandi stati dell’Ue, se non tutti, escluso l’Italia”, ha spiegato il presidente del Consiglio. Secondo Emmanuel Macron, l’Ucraina non può entrare prima di 15-20 anni e non bisognare creare false illusioni. Il presidente francese ha lanciato un progetto alternativo – la Comunità politica europea – che appare come una sala d’aspetto di lunga durata. Per Olaf Scholz, non possono esserci scorciatoie per l’Ucraina. La priorità del cancelliere tedesco, malgrado la guerra in Russia, è dare priorità al processo di adesione dei Balcani occidentali. Stefanchuk ha risposto che l’Ucraina “sa benissimo che lo status di candidato non significa membro a pieno di titolo”. Ma concederlo significherebbe “una grande iniezione di fiducia per il popolo ucraino”, che sta combattendo non solo per difendere il suo territorio, ma anche i valori e princìpi europei e l’ordine internazionale basato sulle regole. “Il 24 di giugno deve diventare una giornata di svolta per la nostra vittoria finale”, ha spiegato il presidente della Verkhovna Rada. Se l’Ue dirà “no” allora “sarà un impulso per Putin”, ha risposto Stefanchuk a una domanda del Foglio. “E’ il futuro europeo che ci motiva. La nostra unità respingerà la Russia. Solo l’unità potrà garantire il raggiungimento un giorno della pace”. In gioco c’è la putinizzazione dell’Ucraina: se l’Ue non dirà “sì” allo status di candidato dell’Ucraina – secondo Stefanchuk – “Putin penserà di poter godere di massima impunità”. Il Parlamento europeo gli ha riservato un lungo applauso. Ma al Consiglio europeo serve l’unanimità: convincere tutti i 27 capi di stato e di governo sarà molto più difficile.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT