venerdi 01 luglio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
07.06.2022 Di qui Lavrov non passa
Bulgaria, Montenegro e Macedonia del nord chiudono i cieli ai russi

Testata: Il Foglio
Data: 07 giugno 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Di qui Lavrov non passa»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 07/06/2022, a pag.3, l'editoriale "Di qui Lavrov non passa".

La Russia sbatte la mossa che ha costretto Sergei Lavrov a cancellare il  viaggio in Serbia - Tebigeek
Sergei Lavrov

Sergei Lavrov aveva organizzato una visita a Belgrado per oggi ma Bulgaria, Macedonia del nord e Montenegro hanno chiuso lo spazio aereo al ministro degli Esteri russo che ha così annullato il viaggio. Una fonte del ministero ha confermato che l’iniziativa dei paesi vicini alla Serbia ha impedito a Lavrov di raggiungere il proprio alleato: “La nostra diplomazia deve ancora attrezzarsi per il teletrasporto”, ha detto questo funzionario. Belgrado ha ottimi rapporti con Mosca, saldati dalla sintonia personale tra il presidente (appena confermato) Aleksandar Vucic e Vladimir Putin e dalla decisione serba di non partecipare alle sanzioni contro la Russia e anzi continuare a rifornirsi del gas russo. Non ci si aspettava molto di diverso da Vucic, che ha sempre utilizzato la sua alleanza con Putin per screditare il progetto europeo, di cui vorrebbe fare parte. La politica dell’allargamento dell’Unione europea è da molto tempo un punto dolente della progettualità di Bruxelles: nell’ultimo decennio le divisioni interne sono diventate opprimenti e così s’è deciso di rallentare e quindi svilire la capacità di attrazione dei paesi dell’est nell’orbita europea. Ma la guerra di Putin ha cambiato tutto e oggi i paesi di frontiera si sentono minacciati, sanno che le operazioni di pressione messe in campo dal Cremlino per instaurare con la forza la propria influenza possono diventare più violente e pericolose. Così Montenegro, Macedonia del nord e Bulgaria hanno voluto mostrare che fare resistenza si può, che unirsi si può, e che si può fare in poco tempo, coordinandosi e avendo un obiettivo comune: di qui i russi non passano. L’appartenenza alle istituzioni occidentali può essere un processo lungo, ma per mostrare da che parte si sta invece ci è voluto un attimo. E come dice il presidente ucraino Zelensky, non c’è colpo meglio assestato contro Putin della nostra unità.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT