lunedi` 05 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
31.05.2022 Russi, criminali e ladri
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 31 maggio 2022
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Il sacco di Kyiv»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 31/05/2022, a pag.1 con il titolo "Il sacco di Kyiv", l'analisi di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Interview: Can The Russian Military Overcome Its Manpower Problems In  Ukraine?

Roma. Quello che i russi non devastano, lo portano via. In un’intervista televisiva, il vicepresidente della commissione Difesa alla Duma, Vladimir Shamanov, ha detto che è inutile tenere l’Ucraina, una volta che la Russia avrà vinto la guerra. In primo luogo perché non c’era nessuno ad accogliere i russi con i fiori, quindi non ha senso incorporare una nazione ostile. In secondo luogo perché ormai è un territorio distrutto e la Russia può impegnarsi a ricostruire soltanto posti come Mariupol. Shamanov è accusato di crimini di guerra per il conflitto in Cecenia, è un falco, e nell’invasione di Kyiv vede l’obiettivo della smilitarizzazione e poi, successivamente, della denazificazione, e quantifica: ci vorranno tra i cinque e i dieci anni. Un tempo che gli ucraini non sono disposti a passare con le armi in mano, anche perché loro la guerra e la devastazione la vivono nei loro confini. Di giorno in giorno l’Ucraina si impoverisce e dai territori occupati la Russia porta via tutto. Anche le opere d’arte che nei musei di Melitopol e di Mariupol, due città sotto il controllo russo, non ci sono più. Alcuni tesori sono stati saccheggiati e non si sa dove siano finiti, il comune di Mariupol ha denunciato che oltre 2.000 pezzi unici sono stati portati via. Sul canale russo del ministero della Difesa, Izvestia, è andato in onda un servizio in cui alcuni esperti d’arte dicevano che le opere conservate nelle città “liberate” andavano messe in salvo da possibili razzie da parte degli ucraini. In questi mesi di guerra gli uomini di Mosca hanno derubato le case private, ma hanno spogliato l’Ucraina di tutto ciò che è vendibile. Sempre da Mariupol Mosca porta via il metallo. La città occupata è uno dei poli della produzione dell’acciaio: dal suo porto i mercantili hanno ricominciato a transitare da un paio di settimane e si dirigono verso i porti russi. Di porti dell’Ucraina, però, non partono soltanto i metalli, ma anche il grano e questa razzia ha un impatto su tutto il mondo. Le autorità ucraine denunciano da mesi il furto di tonnellate di grano e di materiale agricolo. Migliaia di tonnellate sono state rimosse dalle oblast occupate come Kherson e caricate su dei camion diretti in Crimea. Dalla penisola, che la Russia ha annesso illegalmente nel 2014, il grano viene poi messo a bordo di mercantili e rivenduto. La scorsa settimana il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba aveva chiesto di non comprare il grano russo perché era stato rubato agli ucraini. La pratica sembra sempre più consolidata e secondo la Cnn, che ha potuto consultare delle immagini satellitari, un mercantile russo carico di grano è partito dalla Crimea ed è arrivato nel porto siriano di Latakia, portando a termine il suo secondo viaggio in quattro settimane. A compiere la tratta è stata la Matros Pozynich, una nave russa partita dal porto di Sebastopoli. Secondo l’emittente americana a bordo potevano esserci fino a 30 mila tonnellate. Dall’inizio della guerra i russi avrebbero sequestrato circa 400 mila tonnellate di grano, una merce molto conveniente da vendere per Mosca, perché il suo prezzo è in aumento a causa della guerra e soprattutto del blocco del Mar Nero imposto dalla Russia che impedisce la partenza del raccolto ucraino. Mosca ha creato la crisi alimentare e ora è pronta a trarne giovamento vendendo non soltanto il suo grano ma anche quello rubato agli ucraini a un prezzo sempre più alto. Nonostante le telefonate dei leader occidentali a Vladimir Putin, il Cremlino non ha intenzione di allentare il blocco: ha messo su un business fiorente e usa la crisi alimentare come leva per avere in cambio la rimozione delle sanzioni. I leader occidentali non cedono, e l’unico modo possibile per far ripartire il grano bloccato nel sud dell’Ucraina è quello di scortare i mercantili. James Stavridis, editorialista di Bloomberg e ammiraglio della marina americana in pensione, ha descritto come negli anni Ottanta si dovette pensare a sbloccare una crisi simile che non riguardava il grano bensì il petrolio. L’Iran cercava di chiudere lo Stretto di Hormuz alle navi cisterna, ma il resto del mondo continuava ad aver bisogno di petrolio. La soluzione fu drammatica ma efficace: si decise di scortare convogli di petroliere battenti bandiera americana dentro e fuori dallo Stretto. L’operazione fu chiamata Earnest Will e funzionò dall’estate del 1987 all’autunno del 1988. Putin sta cercando di strangolare l’Ucraina, di lasciare la sua economia senza fiato e di tenere sospeso il resto del mondo e l’unico modo per fermarlo è scortare i mercantili tramite una coalizione di paesi a guida americana. Sarà un primo passo per fermare le azioni illegali di Putin.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT