martedi` 28 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
27.05.2022 L’aggressione senza risposta incoraggia soltanto l’aggressore
Analisi del generale americano Mark Milley

Testata: Il Foglio
Data: 27 maggio 2022
Pagina: 8
Autore: Mark Milley
Titolo: «Come cambia la guerra»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 27/05/2022, a pag. 8, con il titolo "Come cambia la guerra", l'intervento di Mark Milley.

La tecnologia cambierà la guerra. La lezione di Milley a West Point
Mark Milley

Pubblichiamo ampi stralci del commencement speech del generale dell’esercito americano Mark Milley all’Accademia militare di West Point.

I diplomati dell’Accademia militare americana del 2022 sono la risorsa più preziosa degli Stati Uniti: rappresentano ciò che è insito nell’esercito americano”, ha detto il generale dell’esercito Mark A. Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff, alla classe dell’Accademia di West Point, a New York. Milley ha detto ai ragazzi diplomandi che sono fondamentali per l’esercito. “Siete diventati una squadra”, ha detto. “E farete affidamento l’uno sull’altro per il resto della vostra vita”. Milley ha detto ai diplomandi – che sono stati nominati sottotenenti – che rappresentano la qualità che dà all’America la sua forza unica: “Voi siete ciò che rende gli Stati Uniti imperterriti di fronte alle difficoltà e motivati di fronte alle sfide impossibili”. Alla fine della Seconda guerra mondiale i leader hanno progettato l’ordine internazionale basato sulle regole dell’esercito americano, una struttura che oggi è sottoposta a forti pressioni, “sarà la vostra generazione a portare il fardello e la responsabilità di mantenere la pace, contenere e prevenire lo scoppio di una guerra tra grandi potenze”. Proprio in questo periodo sta avvenendo un cambiamento fondamentale nel carattere stesso della guerra. “Ci troviamo di fronte, in questo momento, a due potenze globali: Cina e Russia, ciascuna dotata di notevoli capacità militari, ed entrambe pienamente intenzionate a sconvolgere questo attuale ordine basato sulle regole”. E in Ucraina, stiamo imparando la lezione che “l’aggressione lasciata senza risposta non fa altro che incoraggiare l’aggressore”, ha detto Milley. “Non dimenticheremo mai il massacro a cui abbiamo appena assistito a Bucha, in Ucraina. Conosciamo il massacro avvenuto a Mariupol. E il modo migliore per onorare il loro sacrificio è sostenere la loro lotta per la libertà e opporsi alla tirannia”. Mentre gli Stati Uniti stanno entrando in un mondo sempre più instabile, c’è la possibilità di un significativo conflitto internazionale tra grandi potenze. “E questa possibilità sta aumentando, non diminuendo”, ha aggiunto. “Siamo anche sul punto di cambiare il carattere fondamentale della guerra. La natura della guerra non cambierà. E’ ancora un atto politico. E’ una decisione degli uomini imporre la propria volontà politica all’avversario con l’uso della violenza”.

West Point faces worst cheating scandal in decades - BBC News

Ma il carattere della guerra, come si combatte, dove si combatte e con quali armi, tecnologie, organizzazioni e dottrine – in breve, i modi e i mezzi della guerra – sta subendo un cambiamento fondamentale, profondo e significativo, ha sottolineato il generale. “State entrando in un mondo diverso, gli Stati Uniti stanno affrontando sfide significative in Europa, Asia, medio oriente. Vediamo una Russia revanscista, come abbiamo appena visto con un’altra invasione in Ucraina. In Asia, siamo nel terzo decennio del più grande cambiamento economico globale degli ultimi 500 anni, che ha portato a una Cina in rapida ascesa come grande potenza con una politica estera revisionista sostenuta da un esercito sempre più capace”. Inoltre, in Asia, gli Stati Uniti devono affrontare la Corea del nord, che sta rapidamente aumentando i suoi missili e le sue armi nucleari “mobili”, ha detto, aggiungendo che in medio oriente e in alcune parti dell’Africa continuiamo a vedere in molti luoghi l’instabilità dovuta al terrorismo. “La maturità delle varie tecnologie che oggi già esistono o sono in fase avanzata di sviluppo, se combinate, cambieranno probabilmente il carattere della guerra. Si combatterà con carri armati, navi e aerei robotizzati”, ha detto. “Abbiamo assistito a una rivoluzione nella letalità e nelle munizioni di precisione. Ciò che un tempo era di esclusiva competenza delle Forze armate statunitensi, ora è a disposizione della maggior parte degli stati che hanno il denaro e la volontà di acquistarle”. C’è un’ampia varietà di tecnologie in via di sviluppo, come i combustibili sintetici, la fabbricazione in 3D, la medicina, l’ingegneria umana, il cui potenziamento avrà implicazioni militari significative. “E infine, c’è la madre di tutte le tecnologie – l’intelligenza artificiale – con cui le macchine stanno effettivamente sviluppando la capacità di apprendere e ragionare”, ha detto Milley. “Questi sviluppi rapidamente convergenti nel tempo e nello spazio stanno portando a un cambiamento profondo, il più profondo mai avvenuto nella storia dell’umanità. E qualunque sia la superiorità militare di cui godiamo noi Stati Uniti”.

Gli Stati Uniti sono “sfidati in ogni ambito della guerra: spazio, cyber, marittimo, aereo e terrestre”. In futuro, ha detto il generale, potremo, attraverso un’analisi rigorosa, determinare come sarà il mondo. Ci saranno molte sorprese nello sviluppo di forze e armi, ma la struttura e l’organizzazione delle nostre forze congiunte dovranno cambiare drasticamente. Tutti noi dobbiamo avere una mentalità aperta. Non possiamo più aggrapparci a concetti, organizzazioni e armi del passato. “Nel vostro mondo, dovrete diventare più efficienti per il combattimento urbano, non per quello rurale”, ha detto Milley. “Questo avrà enormi implicazioni per la raccolta di informazioni, i veicoli, la progettazione delle armi, lo sviluppo, la logistica, la mimetica e tutti gli altri aspetti del nostro progresso”. L’esercito americano “deve cambiare i suoi metodi di pensiero, addestramento e combattimento”, ha aggiunto. I concetti di combattimento congiunto in fase di sviluppo aiuteranno a guidare le Forze armate come una tabella di marcia verso il futuro, e l’esercito deve tracciare questa rotta molto rapidamente. “Dobbiamo formare leader che abbiano un carattere incredibile sotto l’intensa pressione dei combattimenti di terra, e non c’è niente di più grande dei leader di combattimento di terra che faranno le migliori scelte morali ed etiche, insieme alle migliori scelte tattiche nell’ambiente più emotivamente carico che avrete mai affrontato”, ha detto ai diplomandi, aggiungendo: “Ognuno di voi è quel leader”. Le sfide che gli Stati Uniti si trovano ad affrontare e il carattere mutevole della guerra sono diversi da qualsiasi cosa la nazione abbia mai affrontato prima. “A livello globale, si assiste a un aumento del nazionalismo e dei governi autoritari, alle corse agli armamenti regionali e a rivendicazioni territoriali irrisolte, a dispute etniche e settarie e al tentativo da parte di alcuni paesi di ritornare a un concetto settecentesco di equilibrio tra politica di potere e sfere di influenza”, ha detto. “Mentre camminate verso il vostro futuro, abbiate la lungimiranza di cambiare e di evitare che la guerra, in primo luogo, si verifichi”, ha detto. “Mantenere la pace attraverso le Forze armate statunitensi e l’esempio dei nostri valori è il vostro compito, oggi”, ha aggiunto. “Siamo orgogliosi di voi. Avete una strada difficile e pericolosa davanti a voi, e nessuno dovrebbe sottovalutarla”, ha detto il presidente. “Ma avete anche l’opportunità di percorrere queste strade pericolose e di guidare la risorsa più preziosa della nostra nazione: i giovani uomini e donne che vestono i panni di questa nazione, il soldato americano”.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT