domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
20.05.2022 Israele e il sionismo, di Claudio Vercelli
Recensione di Alessandro Litta Modignani

Testata: Il Foglio
Data: 20 maggio 2022
Pagina: 3
Autore: Alessandro Litta Modignani
Titolo: «Israele, una storia in dieci quadri»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 20/05/2022, a pag. 3, la recensione di Alessandro Litta Modignani al libro "Israele, una storia in dieci quadri" (Laterza ed.).

Immagine correlata
Alessandro Litta Modignani

"Questo libro non è una storia dello Stato di Israele”, scrive l’autore alla prima riga. Claudio Vercelli, di storie di Israele, ne ha già scritte almeno un paio, più altri saggi su genocidio, negazionismo, neofascismo eccetera, tutti caratterizzati da grande spessore intellettuale e rigore storiografico. In questi “dieci quadri”, diversamente, Vercelli condensa l’insieme delle controversie – storiche, religiose, politiche, semantiche – che ruotano intorno al sionismo, con le tante sfaccettature relative all’origine, allo sviluppo e alla vita dello stato di Israele. Per cominciare: stato degli ebrei o stato ebraico? La nascita di Israele è il prodotto del “sionismo politico”, che differisce nettamente dall’antico sionismo religioso e messianico, al quale pure è intrecciato. Di conseguenza, il popolo israeliano non è il “Popolo d’Israele” della tradizione biblica: quest’ultimo mantiene le sue radici in un passato millenario, mentre il primo si riconosce nelle istituzioni politiche nate nel 1948, e guarda avanti, al futuro della nazione.

L'esperto Claudio Vercelli riflette sulla vicenda giudiziaria che ha  coinvolto il professor Georges Bensoussan. Parte prima | Osservatorio  Antisemitismo
Claudio Vercelli

Nella visione di Herzl, lo stato degli ebrei potrà esistere solo se sarà moderno, laico, occidentale. Inoltre, “non esiste nessun eccezionalismo ebraico”, sottolinea l’autore. Per contro, esiste (eccome!) un eccezionalismo opposto: quello con cui cristiani e musulmani hanno sempre trattato la cosiddetta “questione ebraica” nel corso dei secoli; esiste cioè “il predominio e la persistenza di un tratto profondo, archetipico, ineludibile, in ragione del quale è lecito dubitare dell’appartenenza degli ebrei all’umanità”.

Secondo questa visione, gli ebrei sarebbero caratterizzati da “una diversa natura di fondo, che riguarda la loro essenza stessa, connotata da una perfidia e malvagità insuperabili”, concezioni che, nel corso della storia, hanno prodotto via via l’antigiudaismo cristiano, l’antisemitismo razziale dell’8-900, e oggi l’antisionismo denigratorio nei confronti di Israele. Proprio al nesso fra antisemitismo e antisionismo, “Il ramo storto dell’umanità”, è dedicata la parte finale del volume. Uno spazio particolare è riservato alla controversa figura di Vladimir Jabotinsky, autore del contestato e profetico saggio “Il muro di ferro” (1923) e leader carismatico della destra nazionalista. Questa componente, messa ai margini da Ben Gurion per quasi un trentennio, sale al potere nel ’77, segnando un cambio di paradigma che in seguito troverà un ulteriore sviluppo nella leadership di Bibi Netaniahu, destinato a guidare il governo di Israele per oltre quindici anni. Oggi Israele è una realtà in cui vivono 9,3 milioni di abitanti, circa metà dei quali “laici” (di questi, il 40 si professa non credente). Su 10.000 lavoratori, 140 sono ingegneri (negli Stati Uniti 70, in Unione europea 50, nei paesi arabi 5). Il suo governo investe in ricerca e sviluppo il 5 per cento del Pil, contro il 2,5 degli Stati Uniti e il misero 0,9 dell’Italia.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT