domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
19.05.2022 C’è resa e resa
I resistenti di Azovstal

Testata: Il Foglio
Data: 19 maggio 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «C’è resa e resa»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 19/05/2022 a pag.3, l'editoriale "C’è resa e resa".

Zelensky, biografia: storia, vita e carriera
Volodymyr Zelensky

I quasi tre mesi di eroica resistenza del manipolo di combattenti del sottosuolo non sono passati in vano. I militari del reggimento Azov, asserragliati senza acqua e senza cibo nei sotterranei dell’acciaieria Azovstal, hanno impedito a Putin la rapida conquista di Mariupol, hanno mostrato le inefficienze dell’esercito russo, hanno tenuto impegnate molte truppe russe dando al resto dell’esercito ucraino il tempo e il coraggio per respingere l’avanzata di Mosca. Mariupol, già occupata per un breve periodo dai filorussi nel 2014, sarebbe dovuta cadere subito e invece un gruppo di resistenti, in condizioni estreme e con feriti gravi, ha complicato i piani dell’invasore. Ora però la resa, concordata e ordinata dallo stato maggiore ucraino per salvare la vita a queste persone evitando un inutile sacrificio, complica le cose per Volodymyr Zelensky. Se da un lato il presidente ucraino rischiava l’accusa di non aver fatto nulla per salvare la vita dei resistenti dell’acciaieria, ora rischia di finire sotto ricatto di Vladimir Putin. In primo luogo i russi potrebbero torturare e uccidere i militari che si sono consegnati, dato che più volte hanno fatto capire di non considerarli prigionieri di guerra ma terroristi “neonazisti”. Zelensky sarebbe, agli occhi degli ucraini, colpevole di aver consegnato gli eroi di Mariupol nelle mani del carnefice. In secondo luogo, quegli eroi sono un bottino enorme per Putin che può usarlo come preziosa merce di scambio. Che non vuol dire, semplicemente, prigionieri russi. Potrebbero essere usati come ostaggi per impedire l’accertamento dei crimini di guerra russi: nel senso che Putin potrebbe minacciare di imbastire anche lui un parallelo processo contro i terroristi “nazisti”. Zelensky aveva l’obbligo morale di tentare di salvare la vita dei suoi uomini, ma questa resa – anche per il forte valore simbolico di quel drappello di eroi riemersi da sottoterra – comporta un elevato costo politico.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT