giovedi` 23 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
18.05.2022 Il nemico della pace è Putin, non Biden
Commento di Paola Peduzzi

Testata: Il Foglio
Data: 18 maggio 2022
Pagina: 1
Autore: Paola Peduzzi
Titolo: «Il nemico della pace è Putin, non Biden»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 18/05/2022 a pag.1, con il titolo "Il nemico della pace è Putin, non Biden", l'analisi di Paola Peduzzi.

Risultati immagini per paola peduzzi
Paola Peduzzi

Guerra in Ucraina, Biden su Putin:
Joe Biden

Milano. Duecentoquarantacinque combattenti ucraini sono stati evacuati dall’acciaieria Azovstal di Mariupol e portati a Novoazovsk, a est della città portuale, in una zona occupata dai russi, e a Olenivka, in Crimea. Più di cinquanta di loro sono feriti, non si sa quanti siano ancora dentro Azovstal. Il ministero della Difesa russo ha pubblicato alcuni video dell’evacuazione, che definisce “resa”: dopo 82 giorni di assedio e bombe, Vladimir Putin può mostrare le immagini di un suo successo, ma non c’è stata una resa. Il governo di Kyiv ha detto che c’era un accordo per uno scambio di prigionieri da finalizzare quando le evacuazioni finite. Qualche ora dopo, il procuratore generale della Russia ha chiesto alla Corte suprema di riconoscere il reggimento ucraino Azov, i cui combattenti erano dentro l’acciaieria, come “organizzazione terroristica”. Se i prigionieri che fino a poco prima erano parte di un accordo di scambio ora sono terroristi, lo scambio non c’è più e il loro destino è segnato. “Gli eroi ci servono vivi”, ha detto il presidente Volodymyr Zelensky, ma Putin ha trovato il modo per farli sparire. Si è detto molto sul sacrificio degli uomini di Azov, ma non c’era alcun martirio in corso, la resistenza di Mariupol era una scelta strategica. Finché i russi erano impegnati a Mariupol, restavano sguarniti sul fronte del Donbas: questi 82 giorni hanno permesso alle armi occidentali di arrivare, all’esercito ucraino di organizzarsi e ai russi di rallentare. E si dimentica spesso che Mariupol era l’obiettivo (mancato) di Putin nel 2014: nella guerra di oggi, il presidente russo la dava per scontata. Invece Putin ha dovuto radere al suolo Mariupol per conquistarla, e ha dovuto fingere che gli ucraini si consegnassero, quindi si arrendessero, per poter dire di aver portato a compimento quello che era l’obiettivo minimo della sua campagna militare. E come sempre accade quando c’è qualche movimento più rilevante nel sud-est dove l’esercito russo si è “riorganizzato”, cadono bombe altrove, in modo che l’Ucraina non si senta mai al sicuro. Ieri è stata colpita Chernihiv, a nord di Kyiv, liberata a inizio aprile: sono morte dodici persone. La conquista di Mariupol è naturalmente importante per Putin, altrimenti non si spiegherebbe l’accanimento: permette di collegare la Crimea al Donbas e di consolidare il territorio occupato a est e a sud. La strategia putiniana che si fonda sul principio che sono gli ucraini stessi a voler essere liberati dai “nazisti drogati” che governano a Kyiv ha al contrario subìto una sconfitta disumana. Poiché Putin non sa conquistare i cuori e le menti degli abitanti delle città che invade, a Mariupol ha deciso di farli fuori tutti. Qui, prima della guerra, c’erano circa 400 mila persone: una parte è scappata subito, una parte è stata uccisa (il 12 aprile, quindi più di un mese fa, il sindaco aveva detto che c’erano 21 mila vittime, chissà adesso), una parte è stata evacuata in zone sotto il controllo ucraino (sono i cosiddetti fortunati: molti di loro hanno raccontato la loro “fortuna”, fatta di buio, fame, terrore), una parte è ancora in città non si sa in quali condizioni, una parte è stata deportata. Secondo l’intelligence britannica, ci sono sessantasei campi di “smistamento” in Russia dove sono detenuti circa 95 mila abitanti di Mariupol. Il loro destino è incerto. Poiché la città resterà sotto il controllo dei russi, non avremo contezza di quel che è successo davvero: abbiamo solo le immagini satellitari di alcune fosse comuni e dei palazzi distrutti. Dove i russi si sono ritirati abbiamo scoperto l’orrore: è stato ed è doloroso, ma le vittime sono state riconosciute e hanno avuto sepoltura. Ai cittadini di Mariupol è stata tolta la vita e ora anche la dignità della morte.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT