venerdi 14 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
17.05.2022 Crisi Israele-Vaticano: manca un commento
Ci proviamo noi

Testata: Il Foglio
Data: 17 maggio 2022
Pagina: 1
Autore: Matteo Matzuzzi
Titolo: «Crisi Israele-Vaticano»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 17/05/2022, a pag.1, con il titolo "Crisi Israele-Vaticano" l'analisi di Matteo Matzuzzi.

A destra: Papa Francesco

Un video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello spiega la verità sui funerali della giornalista palestinese uccisa. Che il Vaticano e il suo inviato in "Terra Santa" si informino bene su che cosa è avvenuto durante il funerale, trasformato in un pretesto politico. Ecco il video:


Risultati immagini per matteo matzuzzi il foglio
Matteo Matzuzzi

Roma. La polizia israeliana “ha violato in maniera molto brutale il diritto alla libertà religiosa” della Chiesa durante i funerali della reporter di al Jazeera Shireen Abu Akleh, uccisa a Jenin, in Cisgiordania, la scorsa settimana, mentre seguiva un’incursione delle forze di sicurezza israeliane nel locale campo profughi. Non ha scelto la strada della prudenza diplomatica l’incaricato d’affari della Delegazione apostolica in Terra Santa, padre Thomas Grysa, nel corso di una conferenza stampa convocata ad hoc per protestare contro quanto accaduto durante le esequie della giornalista: il video con la polizia intenta a percuotere i partecipanti al corteo funebre (compresi quanti sorreggevano la bara) ha fatto il giro di ogni social network da un capo all’altro del pianeta, mettendo in imbarazzo il governo israeliano e le sue Forze armate. Quanto accaduto, ha aggiunto padre Grysa, “costituisce un momento di tensione fra Israele e Santa Sede, anche se non è il primo”. Il riferimento è ai dissidi, numerosi nel corso degli anni, sull’esproprio di beni di proprietà cristiana e ai negoziati sull’esenzione dalle tasse garantita da Israele fin dal 1948 e periodicamente messa in discussione. Ora, il richiamo alla violazione della libertà religiosa, che complica – e non poco – il dialogo. “Siamo sconvolti per le modalità ingiustificabili di quello che è accaduto e vogliamo denunciare e condannare in maniera chiara e inequivocabile”, ha detto il Patriarca latino di Gerusalemme, mons. Pierbattista Pizzaballa. “La polizia – si legge in una Dichiarazione firmata dal Patriarca greco di Gerusalemme, da quello latino e dai vescovi delle chiese cristiane in Terra Santa – ha fatto irruzione in un ospedale cristiano, mancando di rispetto alla Chiesa, all’ospedale stesso e alla memoria della deceduta”. “L’invasione della polizia israeliana e l’uso sproporzionato della forza” sono “una grave violazione delle norme e dei regolamenti, incluso la libertà di fede e i fondamentali diritti umani”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT