giovedi` 30 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
15.05.2022 Kharkiv è libera, cacciati i russi
Analisi di Cecilia Sala

Testata: Il Foglio
Data: 15 maggio 2022
Pagina: 1
Autore: Cecilia Sala
Titolo: «Kharkiv è libera»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 15/05/2022, a pag.1, con il titolo "Kharkiv è libera", l'analisi di Cecilia Sala.

Cecilia Sala (@ceciliasala) | Twitter
Cecilia Sala

Attacco al Donbass, perché è così importante per Putin: il sogno di  ricostruire l'Urss - Esteri

Kharkiv. Il ritiro dal nord di Kharkiv è il più importante passo indietro russo da quando l’esercito di Mosca ha abbandonato Kyiv, dopo aver tentato di accerchiarla per più di un mese senza riuscirci. I russi sono in affanno e rinunciano, la controffensiva ucraina li costringe a scegliere dove concentrare le forze e a non tenere troppi fronti aperti contemporaneamente. Kyiv sa già che quei soldati non spariranno per molto tempo e si aspetta di ritrovarli a Izyum – città che i russi hanno occupato un mese fa – oppure a Lyman e a Severodonetsk, in Donbas. Gli ucraini sanno anche che i russi non danno il tempo alle loro truppe di riposarsi prima di tornare al fronte (è già successo con le unità traslocate a est da Bucha, da Irpin e da tutta l’area nord che sovrasta la capitale): è questione di settimane e bisogna farsi trovare pronti. Ma oggi Kharkiv è libera, e anche il tenente Moschchonsky non deve andare al fronte ma alla stazione a prendere i suoi genitori che tornano a vivere in città. Ci sono le auto con le famiglie e gli scatoloni che arrivano nei quartieri residenziali abbandonati i primi giorni dell’invasione, mentre chi non se n’è mai andato nell’ultima settimana ha smesso di frequentare il bunker. E’ sparito il silenzio interrotto solo dai colpi ed è tornato un po’ di traffico in centro, non più esclusivamente alle code prima dei checkpoint – dove adesso i militari sorridono e lasciano passare dopo controlli rapidi. C’è un intero quartiere in pezzi, Saltivka, e ora l’artiglieria russa (per la prima volta in quasi due mesi e mezzo) è troppo lontana per colpirlo.

Così ci si può permettere di ragionare in prospettiva: sui soldi che servono, sulle cose da rifare com’erano e quelle da cambiare in meglio – gli architetti locali lavorano ai progetti pro bono e c’è un artista di graffiti, Gamlet Zinkivskyi, che colora le pareti rimaste intatte con i suoi murales (che non parlano di guerra). A marzo era stata creata un’organizzazione di istruttori e insegnanti che andava a fare lezione nella metropolitana in cui vivevano migliaia di persone: c’erano corsi di cucina, di inglese, di yoga, quello di teatro dell’attrice Alla Von Bovt e quelli dei professori dei liceo e delle scuole elementari della città. Con la fine delle bombe e la primavera, l’organizzazione non si è dissolta ma le lezioni si sono spostate nei parchi e nelle piazze. I ristoranti e le caffetterie riaprono più lentamente dei grandi magazzini, ma per incontrarsi ci sono i viali alberati con i marciapiedi larghissimi e le aiuole curate: si passeggia oppure si prende il sole e si chiacchiera sdraiati sui muretti e sulle panchine. Kharkiv è un simbolo perché qui c’è stata la prima avvisaglia della brutalità russa all’inizio dell’invasione, il primo avvertimento sui metodi che i russi sarebbero stati capaci di usare e che poi hanno usato. Prima di Bucha, prima delle bombe sull’ospedale di Mariupol e poi sul teatro municipale: un lanciarazzi multiplo aveva sparato contro la facciata del palazzo dell’amministrazione regionale in piazza dell’Unità. A Kharkiv, oggi, mettere ordine non significa solo potare gli alberi, spazzare via le macerie e ricostruire le case: il procuratore locale è stato il primo a promettere un processo pubblico per crimini di guerra contro i soldati russi, catturati prima e durante la controffensiva. Mettere ordine significa anche scoprire cosa è successo nei villaggi appena liberati e l’indagine da cui partire è quella su un’evacuazione di civili partita da Vovchansk il 4 maggio. Il convoglio di quindici auto che scappava dall’occupazione russa con le bandiere bianche bene in vista è stato colpito dall’artiglieria all’altezza di Staryi Saltiv. Tra i corpi carbonizzati dentro le auto c’è quello di Sofia Raetfska, una ragazza di quattordici anni che a Kharkiv conoscono tutti e tutti la cercavano da settimane, da quando i suoi amici avevano lanciato un appello pubblico su Facebook per ritrovarla.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT