martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
13.05.2022 Perché l’Italia sul sostegno all’Ucraina è un buon modello per l’Europa
Editoriale di Claudio Cerasa

Testata: Il Foglio
Data: 13 maggio 2022
Pagina: 1
Autore: Claudio Cerasa
Titolo: «Oltre la gnagnera da talk c’è di più. Perché l’Italia sul sostegno all’Ucraina è un buon modello per l’Europa. Differenze tra fatti, voti e parole»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 13/05/2022, con il titolo "Oltre la gnagnera da talk c’è di più. Perché l’Italia sul sostegno all’Ucraina è un buon modello per l’Europa. Differenze tra fatti, voti e parole" il commento del direttore Claudio Cerasa.

ClaudioCerasa
Claudio Cerasa


Joe Biden con Mario Draghi

Nel grande romanzo relativo alle virtù incomprese del nostro paese, un capitolo a parte meriterebbe di essere dedicato a un tema importante che in questi giorni sembra essere sfuggito alla maggior parte degli osservatori, travolti dalla quotidiana raffica di fregnacce diffuse dai mezzi di informazione desiderosi di alimentare la gnagnera contro l’occidente brutto, sporco, cattivo e guerrafondaio. Il tema è relativo a una questione di primo piano che riguarda non, come spesso si sente dire, la distanza abissale tra ciò che si dice e ciò che si fa, ma la distanza incredibile che vi è in Italia tra ciò che si fa e ciò che si dice. Durante il conflitto in Ucraina, è capitato spesso di notare la differenza che esiste tra quei paesi che, contro Putin, sono riusciti a creare una simmetria tra parole e fatti e quei paesi che, invece, quella simmetria non sono riusciti a rispettarla (se accusi Putin di essere un criminale di guerra non puoi non prendere tutte le decisioni necessarie per evitare di finanziare la guerra di un criminale). Ma allo stesso tempo bisogna anche notare che il nostro paese, nonostante la sua titubanza nel promuovere un embargo totale sull’energia russa, costituisce per alcune ragioni interessanti un unicum positivo in Europa. Non solo per la svolta importante impressa da Mario Draghi alla politica estera dell’Italia (“uno dei più grandi cambiamenti di politica estera in Europa da anni”, ha scritto la scorsa settimana il Financial Times). Ma anche per la presenza di una classe politica che pur sparando quotidianamente molte fregnacce nei talk-show. Pur provando quotidianamente a cavillare sulla differenza tra armi offensive e armi difensive (Conte). Pur provando a scaricare la responsabilità della guerra più su Biden che su Putin (Salvini). Pur facendo tutto questo alla fine dei conti, con i fatti, risulta essere molto più efficace che con le parole. E il risultato, per quanto possa essere disorientante ammetterlo, è questo. Un Parlamento che ha dato la fiducia a una maggioranza filo putiniana (il programma di governo di Lega e M5s nel 2018 suggeriva una robusta “apertura alla Russia” e chiedeva “il ritiro delle sanzioni”).

Dominato da una rappresentanza importante di anti europeisti (fino al 2017, Lega, M5s e FdI chiedevano l’uscita dell’Italia dall’euro). Formato da una componente non irrilevante di partiti che fino a qualche anno fa chiedevano di uscire dalla Nato (Lega e M5s). Un Parlamento che pur avendo tutte queste caratteristiche si trova a essere incredibilmente il più compatto tra i parlamenti d’Europa nell’aiuto all’Ucraina e uno dei più decisi nel sostenere l’intervento dell’Europa in Ucraina (la risoluzione di inizio marzo, valida fino al 31 dicembre, che prevedeva anche “la cessione di apparati e strumenti militari che consentano all’Ucraina di esercitare il diritto alla legittima difesa e di proteggere la sua popolazione”, al Senato ha avuto appena 13 contrari). Ed è l’unico fra tutti i paesi dell’Unione europea ad avere non solo una maggioranza larghissima non ostile all’invio di armi, di aiuti, di sostegni all’Ucraina ma anche un’opposizione tutto sommato su questo terreno responsabile. Che ha scelto di non lucrare sulla guerra schierandosi dalla parte del governo nella lotta contro Putin (e allontanandosi anche dai filo russi d’Europa: vedi Orbán, vedi Le Pen) e che voterà con la maggioranza (lo farà anche Giuseppe Conte?) quando il Parlamento sarà chiamato a ratificare l’esecuzione dei protocolli di adesione alla Nato di Svezia e Finlandia (se l’obiettivo di Putin era entrare in guerra per allontanare la Nato dalla Russia, gli obiettivi sono già falliti). C’è un’Italia della gnagnera che cerca di nascondere con le parole i fatti. E c’è un’Italia dell’anti gnagnera che cerca di far valere i fatti sulle parole. Dare voce alla propaganda, significa illuminare la prima Italia. Combattere la propaganda, significa dar voce alla seconda. In tempi di guerra, scegliere da che parte stare non dovrebbe essere una scelta così difficile.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT